La prima colazione: partire con il piede giusto

colazione

Per raggiungere il pieno benessere, non è importante solo la scelta degli alimenti, ma anche il modo in cui si organizzano i ritmi della giornata alimentare. La prima colazione è importantissima, perchè dopo il digiuno notturno, il fisico è indebolito e più vulnerabile. Di norma tra la cena serale e la successiva
colazione mattutina trascorrono una decina di ore: tempo lunghissimo nel quale il fisico brucia una quantità notevole di energie perchè, anche se a riposo, continua il lavoro della digestione, della respirazione, del battito cardiaco e di tutte le funzioni vitali.

Al risveglio è necessario subito fare rifornimento, se non si vuole rischiare entro breve di rimanere a corto di zucchero nel sangue e andare incontro ad uno stato di ipoglicemia che si può manifestare con debolezza, sonnolenza e difficoltà di concentrazione. Questo vale più che mai nel periodo invernale, quando il dispendio calorico notturno tende ad aumentare e la colazione, deve costituire un vero e proprio pasto, capace di dare almeno il 20% di tutte le calorie necessarie nella giornata. In cifre si può considerare che la prima colazione debba fornire dalle 300 alle 400 kcal, provenienti per lo più da carboidrati, ma in parte anche da proteine e grassi.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 10 Media: 5]