Segui il metodo Montignac per perdere peso

dieta-di-natale

Il metodo Montignac, è, secondo quanto indicato dallo stesso creatore di questo regime alimentare è “una modalità alimentare non restrittiva e perfettamente equilibrata” che, come spiega Montignac “Consiste principalmente nel modificare le proprie abitudini alimentari. Non si tratta di mangiare meno, ma di mangiare meglio operando le scelte giuste!” ha sempre spiegato Montignac “Il metodo Montignac non è una dieta nel senso tradizionale del termine, poiché per dieta si intende una modalità alimentare restrittiva sul piano quantitativo da seguire obbligatoriamente per un periodo di tempo limitato”. L’ideatore della dieta Montignac è Michel Montignac, farmacista nato in Francia nel settembre del 1944 e venuto a mancare nell’agosto 2010 a causa di un cancro alla prostata. Montignac ha sempre raccontato di essersi avvicinato allo studio della nutrizione per via della sua infanzia, infatti da bambino era obeso, così come anche i suoi genitori. Nel 1970 Montignac elaborò un metodo alimentare scrivendo numerosi testi in cui illustrava il loro metodo alimentare fra i quali Come dimagrire facendo pranzi di lavoro, La dieta Montignac, Ricette nel metodo Montignac, A dieta con Montignac, Dimagrire per sempre mangiando normalmente, Bere vino per restare sempre in buona salute, Mangiare cioccolato e restare in buona salute, Il metodo Montignac illustrato per le donne e Gli indici glicemici. Il successo editoriale della prima sua opera spinse Montignac ad approfondire le sue ricerche in campo alimentare.

 

Le basi del metodo Montignac

I punti cardine sulla quale si basa dieta Montignac sono molto semplici: prima di tutto non serve calcolare le calorie degli alimenti, la causa del sovrappeso è insita la qualità dei cibi, il fattore fondamentale è l’indice glicemico dei cibi ossia l’IG ed infine la scelta dei cibi a basso indice glicemico per i quali la quantità non conta.

Secondo Montignac infatti ogni alimento ad alto indice glicemico che viene consumato porta un aumento della glicemia che porta l’organismo a produrre molta insulina che ha come compito principale quello di abbassare la glicemia e di conseguenza porta ad una creazione di grassi nei tessuti, causando quindi sovrappeso e obesità.

I cibi consentiti e quelli non consentiti nella dieta Montignac

Cibi consentiti (perché indice glicemico <50):

carne bianca, carne rossa, salumi, formaggi stagionati, pesce, uova: indice 0. Zucchine, agrumi, albicocche, mandorle e noci, yogurt magro: indice 15. Lenticchie e cioccolato amaro: 22. Latte e pompelmo 30. Carote crude: 35. Fragole e pane integrale: 40. Spaghetti al dente: 45. Uva: 50.

Cibi non consentiti (perché indice glicemico >50):

spaghetti ben cotti e kiwi: 55. Banane, melone, pasta fresca, gelato: 60. Pizza, fette biscottate, marmellata: 65. Ananas, patate bollite, peperoni, ravioli: 70. Carote cotte, miele, riso: 85. Purè di patate: 90. Patate fritte: 95. Zucchero: 100.

La dieta Montignac è composta da due fasi. La prima è la cosiddetta fase del dimagrimento in cui si deve evitare la creazione di un accumulo di lipidi, in tal modo si attiva il cosiddetto processo di destoccaggio dei lipidi di riserva che devono essere bruciati grazie all’aumento del consumo energetico.
La seconda fase della dieta Montignac è invece quella di stabilizzazione e prevenzione che viene effettuata sempre in funzione dell’indice glicemico, quando si potranno mangiare tutti gli alimenti con indice glicemico fino a 50. Questa fase potrebbe in teoria durare praticamente tutta la vita, mangiando sano e seguendo questo regime alimentare per mantenere il fisico in equilibrio e rimanere sani e magri, mangiando bene per sempre. Vi basterà solo seguire il Metodo Montignac.

 

 

Il menù della dieta Montignac

Lunedì
Colazione:
té o caffé
2 fette di pane integrale con 50g. di formaggio no grasso.

Pranzo:
insalata di lattuga
asparagi
pomodori
4 olive
150g. vitello
1 frutta.

Cena:
zuppa di verdura
150g. Di pesce lesso
1 yogurt.

Martedi
Colazione:
succo di arancia
2 fette biscottate con il burro
miele.

Pranzo:
insalata di mela
cavolo
150g. Pollo alla piastra
1 frutta.

Cena:
100g. di prociutto cotto
melanzana e peperone al forno
1 frutta.

Mercoledì
Colazione:
té o caffé
2 fette biscottate con burro e marmellata light.

Pranzo:
insalata di carote e rucola
insalata di riso
40g. Di formaggio parmigiano
1 frutta.

Cena:
purè di verdura
frittata di agli teneri
1 frutta.

Giovedì
Colazione:
succo di arancia
2 brioche piccole integrali.

Pranzo:
insalata di lenticchie cotte
pomodoro e capperi o cetriolini
filetto di pesce alla piastra
macedonia.

Cena:
verdura cotta con 1 patata
100g. bacalà al forno con verdure
1 yogurt scremato.

Venerdì
Colazione:
caffé o té
2 fette di pane integrale con burro o margarina light.

Pranzo:
insalata con pomodoro
formaggio poco grasso e cipolla
150g. Tacchino alla piastra
1 frutta.

Cena:
insalata di
carota e cipolla
150g.di pesce alla piastra
1 frutta.

Sabato
Colazione:
té o caffé
2 fette biscottate con burro o margarina light
miele.

Pranzo:
carciofi al forno
vitello alla braca con verdure
1 frutta.

Cena:
pure di zucchini
2 uova sode
1 lattina di tonno
un yogurt.

Domenica
Colazione:
caffé o té
succo di arancia
2 brioche piccole integrali.

Pranzo:
verdure al forno
carne con funghi
budino.

Cena:
asparagi bianchi con maionese light
frittata di spinaci
1 yogurt scremato.

 

 

 

 

Scopri quale dieta per dimagrire velocemente è più adatta a te

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 20 Media: 3.7]