Penta Diet per dimagrire: come funziona, opinioni ed effetti collaterali

La dieta giusta permette di perdere peso e iniziare una nuova vita senza preoccuparsi dell’effetto yo-yo. Scopriamo la Penta Diet?

Non è facile trovare la dieta giusta, soprattutto perché a fronte di perdite importanti di peso corrisponde quasi sempre una fase di mantenimento piuttosto difficile.

La Penta Diet mette a punto un percorso in 5 fasi destinato a far perdere peso, a mantenere i risultati e a recuperare l’equilibrio psicofisico nel tempo.

Cos’è la Penta Diet?

La perdita di peso e il mantenimento della forma fisica nel tempo si trasformano in una chimera per qualcuno, specialmente perché le cattive abitudini sono dure a morire.

Il fatto di aver tagliato le calorie a lungo e di aver raggiunto l’obiettivo spinge chi è dimagrito a concedersi qualche sgarro di troppo, aprendo la strada al recupero dei chili persi.

Il circolo vizioso può essere spezzato a monte, vale a dire intraprendendo una dieta bilanciata e stilata in base alle esigenze individuali e allo stile di vita: nasce la dieta Penta.

È una dieta fondata su 5 fasi (Penta per l’appunto) in cui si eliminano alcuni alimenti e si reintroducono gradualmente con l’obiettivo di perdere peso in modo veloce e senza rinunce.

Alla base di questo metodo dimagrante c’è Sistema Alimentare Integrato Penta (SAIP) nato in America negli anni ’70 e caratterizzato da una perdita di peso e un mantenimento della massa muscolare.

Penta Diet: Come funziona?

La Penta Diet viene definita come una dieta normoproteica, ipoglucidica e ipolipidica destinata a resettare il metabolismo, a dare una nuova partenza e a fornire un nuovo stile di vita.

Il punto di forza è ostacolare la produzione di insulina in quanto responsabile dell’incapacità del corpo di bruciare grassi. Per questo si punta a stimolare la massa magra consumando proteine ad alto valore biologico.

A decretare il successo della Penta Diet è il superamento del menu settimanale (peso alimenti e calcolo calorie) a favore del consumo di pasti sostitutivi bilanciati e funzionali all’obiettivo.

Non si tratta di integratori e barrette, ma di veri e propri prodotti sani e gustosi. Qualche esempio di prodotti per la Penta Diet? Il catalogo comprende frittate, minestre, dolci, creme, bevande, snack e altro.

L’obiettivo di questi prodotti saziare, appagare a livello gustativo e donare un senso di benessere completo. Dove comprare i prodotti Penta dietro prescrizione medica? Nel catalogo dell’e-commerce dedicato.

Le fasi della Penta Dieta

Il nome della Penta Diet ci lascia intuire l’importanza delle 5 fasi del percorso dimagrante in termini di perdita di peso e mantenimento.  Come funziona la Pentadiet?

  • Fase I e fase II – Nelle prime due fasi si consumano pasti sostitutivi funzionali appositamente formulati per spingere il corpo a sfruttare la massa grassa come fonte energetica e a non intaccare la massa magra. Tutto senza pesare gli alimenti.
  • Fase III e fase IV – Queste fasi segnano il passaggio dai pasti sostitutivi funzionali all’introduzione graduale di carboidrati e grassi.
  • Fase V – L’ultima fase di mantenimento non richiede una dieta, ma un periodo in cui si gestiscono i risultati ottenuti.

Non solo pasti sostitutivi nella Penta Diet. Lo step 1 e lo step 2, quelli in cui si perde peso, ammettono le proteine e alcune verdure. Nella dieta Penta quali verdure sono concesse? Quelle verdi e bianche.

Dalla terza fase in poi si possono aggiungere gradualmente gli altri alimenti, da quelli proteici a quelli ricchi di carboidrati.

Quanto si dimagriresce con la dieta Penta?

La Penta Diet funziona contro il grasso adiposo; non a caso è stata usata anche in casi gravi di obesità con ottimi risultati.

Gli esperti calibrano lo schema della Dieta Penta in base alle esigenze, riuscendo ad aiutare anche chi soffre di adiposità localizzato o le persone affette da sindrome metabolica.

Quanto si perde con la Penta Diet? Le opinioni sono incoraggianti, anche se i risultati cambiano da caso a caso. Tuttavia si resta sui 5-7 chili nelle prime settimane e su 1 chilo dopo la terza settimana.

Per fare una media è necessario tenere a mente che le prime fasi, quelle in cui si perde più peso, possono durare da 8 a 16 settimane in base alla condizione di partenza.

Penta Diet: Effetti collaterali e controindicazioni

La Penta Diet è pericolosa? È indicata per le persone che soffrono di obesità , ma sempre più spesso viene modificata per aiutare i casi di sovrappeso, adiposità localizzata, cellulite, post-gravidanza e altre situazioni.

Solitamente viene controindicata in caso di patologie pregresse, come per esempio l’insufficienza epatica, l’insufficienza renale, il diabete, le aritmie, l’angina, la porfiria e i disturbi alimentari.

Per quanto riguarda gli effetti collaterali, invece, sembra infondata la perplessità intorno un eventuale danneggiamento dei reni, considerando che non eccede con il carico proteico.

Scopri quale dieta per dimagrire velocemente è più adatta a te

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

Myriam

Informazioni sull'autore
Laureata in Informazione e sistemi editoriali, appassionata di regimi alimentari e animata dalla voglia di trovare la ricetta perfetta per uno stile di vita sano.
Tutti i post di Myriam