Menopausa: 6 regole d’oro per ritrovare l’equilibrio

1) Curate il vostro umore e l’equilibrio psichico cominciando prima dalla menopausa. Non solo perchè una mente lucida e serena è una potente promotrice di salute in ogni età della vita, ma perchè chi entra in menopausa con uno stato d’ansia e/o di depressione, vedrà peggiorati i sintomi psichici che si accompagneranno a vampate particolarmente fastidiose. La miglior terapia è quella che usa i farmaci solo in caso di necessità e per breve periodo, e ricorre invece a combinazioni di piante antidepressive (iperico) ansiolitiche (valeriana, biancospino, passiflora), attività fisica regolare, esposizione, soprattutto d’inverno, alla luce solare, tecniche antistress.

2) Abbiate cura del vostro apparato muscolo-scheletrico cominciando prima dalla menopausa. La migliore prevenzione dell’osteoporosi è il sole e l’attività fisica. Con il sole si sintetizza vitamina D che è un fattore cruciale per la mineralizzazione delle ossa. Potete prendere il calcio a chili, ma se non c’è vitamina D sufficiente non serve a niente. Attenzione a non ingozzarsi di formaggi e di pillole di calcio. E’ dimostrato che non servono a proteggere l’osso, che invece viene fortemente stimolato dall’attività fisica. Una corretta e regolare attività di passeggiate e corsette, vale molto di più di una mozzarella o di una pillola di calcio al giorno.

3) Mantenere un giusto peso: né troppo né poco. L’eccesso di peso, in menopausa, incrementa il rischio di ipertensione e diabete. D’altra parte, donne troppo magre sono più scompensate dal punto di vista ormonale (perchà© il grasso converte gli ormoni maschili in femminili) e quindi più soggette a vampate molto fastidiose.

4) Controllare periodicamente vagina, utero, seno soprattutto a partire dai 35 anni (pap-test, ecografia o mammografia secondo l’età ).

5) Nella fase di transazione che, può durare anche qualche anno, le vampate e gli sbalzi d’umore possono essere facilmente corretti affidandosi a un esperto di medicina naturale che userà , secondo i casi, soia, agnus castus, cimicifuga, racemosa, piante ansiolitiche e agopuntura.

6) Iscrivetevi a un corso serio di tecniche antistress.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 11 Media: 4]