La dieta crudista 80-10-10 del dottor Graham

La dieta crudista è diffusa e seguita da molte persone in tutto il mondo, ma recentemente è apparsa la versione 80-10-10 del dottor Graham, un regime alimentare vegan crudista che ha già fatto molti adepti nel mondo e che sta guadagnando molta popolarità anche in Italia. Di cosa si tratta e quali sono i principi di questa dieta?

cropped-801010_2-copia

La regola base della dieta va ricercata nella marcata divisione degli alimenti e dei nutrienti, perché il regime alimentare chiede di mangiare durante il corso della giornata l’ottanta per cento di carboidrati, il dieci per cento di proteine e il dieci per cento di grassi. Da questa divisione così precisa arriva il nome 80-10-10 e i principi sono contenuti nel volume ‘The 80/10/10 Diet’ scritto dal medico statunitense Douglas Graham. Si tratta di una dieta crudista vegan che si propone di far perdere il peso in eccesso, ma anche di ristabilire tono ed energia nel metabolismo, prevenendo al contempo l’insorgenza di patologie gravi come il cancro, le malattie cardiovascolari e il diabete.

Il rapporto sul quale si basa la dieta è molto specifico e, tradotto nella pratica, chiede di assumere 8 calorie derivate dagli zuccheri per 1 caloria che arriva dalle proteine e dai grassi. La dieta si rivela essere molto vicina alla fruttariana, perché gli alimenti proposti sono soprattutto la frutta, che sappiamo contenere un elevato numero di carboidrati. Questo è l’unico modo per assumere così tanti carboidrati in relazione a una quantità così scarsa di proteine e di grassi. Chi segue questo regime alimentare si trova quindi a consumare abbondanti porzioni di frutta, anche dieci banane al giorno.

Generalmente, la dieta crudista non annovera nel suo piano alimentare la carne e non ne consente il consumo crudo, perché si tratta di cibi che arrivano dall’allevamento. La dieta crudista chiede infatti di consumare alimenti che vengono mangiati per l’appunto crudi oppure preparati a basse temperature, al fine di non ‘bruciare’ le sostanze nutritive e salvaguardare l’apporto completo degli alimenti. Sappiamo che mangiare carne cruda può essere fattibile nel caso di una pregiata tartare, ma non si tratta della prassi, quindi la dieta crudista guarda in special modo alle verdure e alla frutta.

La dieta 80-10-10 si propone quindi come un’esagerazione di questa dieta e gli esperti nutrizionisti si sono trovati concordi nell’affermare che si tratta di un regime alimentare molto sbilanciato, perché troppo ricco di frutta e soprattutto troppo povero di altri elementi nutritivi, che si propongono indispensabili nell’alimentazione di ogni giorno per garantire un positivo stato di salute.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 8 Media: 4]

ValeriaM

Informazioni sull'autore
Laureata in Filologia Classica, da sempre appassionata di scrittura e copywriting. Classe 1989, ama leggere, andare al cinema e a teatro, allevare cani e gatti e mangiare i biscotti di Bellagio.
Tutti i post di ValeriaM