I 5 principi della dieta Eat to Live

‘Mangiare per Vivere’, questo è il semplice motto della dieta Eat to Live, inventata dal dottor Joel Fuhrman e immediatamente divenuta un successo internazionale. Ma quali sono i principi cardine di questo piano dietetico? Di base si tratta di una dieta salutista che vanta una base vegetariana e che di focalizza sulla bontà del cibo. Lo scopo della dieta Eat to Live è infatti di far perdere il peso in eccesso, ma senza mai abbandonare la ricerca del gusto e del piacere che deriva dai pasti. Per questo motivo molte persone l’hanno eletta come dieta ideale, perché si propone sana, bilanciata e poco restrittiva. Scopriamo quali sono i 5 principi della dieta Eat to Live:

One-Must-Eat-to-Live-The-Eat-to-Live-Diet

1-No alla fame tossica: la dieta Eat to Live si concentra sul concetto di fame tossica, intesa come il desiderio di mangiare alimenti ‘cattivi’ che creano un circolo vizioso di eccessi e di sensi di colpa. La dieta chiede quindi di cambiare completamente posizione in questo verso e di scegliere sempre cibi freschi, naturali e il meno possibile confezionati. La dieta chiede di abbandonare questi cibi che creano assuefazione e di cercare di riscoprire i sapori naturali, perché in questo modo si eliminano naturalmente i grassi in eccesso e di carboidrati semplici;

2- Puntare sulle G-BOMBS: la dieta Eat to Live sottolinea l’importanza di togliere dalla dieta gli zuccheri raffinati, in particolare la farina e lo zucchero bianco e anche le proteine in eccesso. La richiesta è di preferire gli alimenti G-BOMBS, ovvero i cibi verdi che vengono considerati dei super alimenti, perché saziano, svolgono una funzione protettiva all’interno dell’organismo e favoriscono la digestione degli alimenti;

3- Sì alle verdure e ai legumi: la dieta Eat to Live si concentra principalmente sulle verdure e sui legumi, in quanto vanta una base prettamente vegetariana. In particolare, la dieta chiede di consumare moltissimi ‘greens’, ovvero le verdure verdi e di associarle ai ‘beans’ ovvero ai legumi che assicurano il giusto apporto proteico e sono indispensabili per regolarizzare i meccanismi propri della glicemia;

4- Abbondanza di aglio e funghi: questi due alimenti vengono caldamente consigliati dalla dieta Eat to Live, perché insaporiscono le ricette e sono in grado di ‘tagliare’ i grassi e anche le calorie in eccesso. I funghi e l’aglio contengono inoltre dei principi che sono in grado di svolgere un’azione antinfiammatoria e disinfettante nel corpo e quindi aiutano a prevenire e combattere molte malattie, anche gravi;

5- Sì ai frutti di bosco e ai semi: la dieta Eat to Live si concentra sul potere terapeutico dei semi e dei frutti di bosco. Mirtilli, fragoline e lamponi sono infatti amici del sistema immunitario e i semi chiedono di essere consumati ogni giorno perché rappresentano una facile fonte di acidi grassi, indispensabili per il buon funzionamento dell’apparato digerente, ma anche amici della pelle, dei capelli ed ei tessuti cellulari;

La dieta Eat to Live chiede di introdurre circa 1300 calorie al giorno, si basa come abbiamo visto su un massivo consumo di verdure e legumi ma chiede di annoverare anche la carne bianca, le uova e i latticini magri. Un esempio di dieta giornaliera chiede di consumare ogni giorno abbondanti porzioni di insalata, soprattutto ad inizio del pasto per migliorare il transito e abituare il corpo a ricevere il resto dei nutrienti. Le cotture devono essere sane e semplici e la colazione deve essere sempre ricca e annoverare al suo interno i semi e i fiocchi di avena, cibi basici che assicurano un ottimo apporto di acidi grassi fin dalle prime ore del giorno.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 20 Media: 4]

ValeriaM

Informazioni sull'autore
Laureata in Filologia Classica, da sempre appassionata di scrittura e copywriting. Classe 1989, ama leggere, andare al cinema e a teatro, allevare cani e gatti e mangiare i biscotti di Bellagio.
Tutti i post di ValeriaM