Alla scoperta della Flexitarian

Quando una dieta dimagrante conquista le star non si parla d’altro per molto tempo, soprattutto se a benedirla è niente meno che Gwyneth Paltrow, oramai considerata un guru in fatto di alimentazione e benessere. Oggi parliamo della Flexitarian, un piano alimentare che come suggerisce il nome si propone di essere flessibile e che si basa su una struttura vegetariana. Si tratta di una dieta che, manco a dirlo, si propone di disintossicare il corpo e di prepararlo gusto giusto per la prova costume, ma che grazie alla sua composizione flessibile permette di non avvertire la fame e di migliorare le funzioni vitali dell’organismo.

flexitarian

La dieta flexitarian è quindi di base vegetariana, ma per due volte alla settimana è possibile introdurre delle proteine animali attinte dalla carne, dal latte e dalle uova. La dieta regala un apporto di 1500 calorie al giorno e promette di far dimagrire fino a 4 chili in un mese, quindi un buon compromesso che non sfinisce l’organismo, ma lo aiuta a ritrovare il peso forma senza particolari rinunce. I precetti del piano alimentare sono contenuti nel volume della sua creatrice, la dietologa Dawn Jackson Blatner che si intitola The Flexitarian Diet. La flexitarian si propone come una dieta leggera e amica dell’ambiente, green ma adatta anche a chi non se la sente di passare di botto ala vegetarianismo, ma desidera ugualmente migliorare l’alimentazione, dando la preferenza ad alimenti vegetali piuttosto che alla ricerca di proteine animali.

La dieta flexitarian chiede di consumare al mattino del latte di riso o di soia con fette biscottate integrali, quindi di mangiare come merenda mattutina un vasetto di yogurt, sempre a base di riso o di soia. Il pranzo può essere composto da pasta con pesce o con verdure accompagnata da porzioni di verdura cotta al vapore e condita con un cucchiaino di olio extra vergine di oliva a crudo, quindi completato con un frutto disintossicante come il pompelmo. Per quanto riguarda lo spuntino pomeridiano, la flexitarian chiede di assumere un piccolo frutto, mentre alla sera si può mangiare del minestrone di verdure arricchito di cereali, un po’ di pane integrale e un frutto, oppure una frittata con due uova e una patata. Due volte alla settimana si possono mangiare proteine animali, attinte dal pesce o dalla carne bianca.

Per quanto riguarda i dolcificanti, è consigliato di evitare gli zuccheri raffinati e di scegliere alternative naturali quali lo sciroppo d’acero e il nettare d’agave. La dieta si completa con la pratica di bere molta acqua naturale nel corso della giornata e di fare la giusta attività fisica per favorire il dimagrimento e la tonificazione muscolare.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 11 Media: 4]

ValeriaM

Informazioni sull'autore
Laureata in Filologia Classica, da sempre appassionata di scrittura e copywriting. Classe 1989, ama leggere, andare al cinema e a teatro, allevare cani e gatti e mangiare i biscotti di Bellagio.
Tutti i post di ValeriaM