Dieta Montignac, il regime alimentare che previene il diabete

La dieta Montignac, a differenza di molte altre, è equilibrata, ma per ottenere maggiori benefici deve essere seguita a lungo. Da qualche anno abbiamo assistito al fenomeno delle diete lampo che promettevano la perdita di molti chili in pochissimo tempo, purtroppo essendo sbilanciate, possono causare danni all’organismo.

dieta-mediterranea

La dieta Montignac è nata proprio come regime alimentare completo per chi vuole perdere peso in maniera costante. Il fondatore della dieta è Michael Montignac, ha utilizzato un nuovo criterio per la classificazione dei glucidi, che ha consentito ai pazienti di identificare meglio la categoria per aiutarli a fare scelte consapevoli a tavola per ridurre il proprio peso corporeo. La dieta Montignac infatti viene indicata come “metodo” e dovete sapere che si possono perdere sino a  15 kg in 3 mesi.

Le fasi della dieta Montignac (o metodo) sono due: durante la prima si perde peso, nella seconda invece si mantengono gli obiettivi raggiunti. Le regole da seguire sono pochissime e comprendono 3 pasti al giorno costituiti da alimenti a basso contenuto di grassi e a basso indice glicemico.

Lo schema alimentare giornaliero prevede una colazione abbondante, il pranzo, la cena (leggerissima) e due spuntini. Possibilmente la frutta deve essere consumata lontana dai pasti, lo zucchero raffinato e il pane sono proibiti, e si devono evitare anche farina, patate, riso, e pasta. Gli alimenti concessi possono essere combinati tra di loro in base ai propri gusti personali, ecco perché non esiste un menu specifico, l’unica accortezza è quella di non associare carboidrati e proteine.

Gli alimenti consentiti, a basso indice glicemico, sono: olio extravergine di oliva, frutta, uova, carne bianca, carne rossa, salumi, formaggi, insalata, pomodori, spinaci, melanzane, cavoli, broccoli, zucchine, mandorle, noci, latte, fragole, carote, pane integrale e pesce. I cibi che superano l’indice glicemico di 50 e devono essere aboliti, oltre a quelli indicati in precedenza, sono: burro, margarina, pasta fresca, fette biscottate, kiwi, banane, melone, peperoni, carote cotte, miele.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 17 Media: 4]

ValeriaM

Informazioni sull'autore
Laureata in Filologia Classica, da sempre appassionata di scrittura e copywriting. Classe 1989, ama leggere, andare al cinema e a teatro, allevare cani e gatti e mangiare i biscotti di Bellagio.
Tutti i post di ValeriaM