Astragalo: una riserva di energia

L’astragalo è una riserva di energia che arriva dall’antica Cina. Inoltre è stato accertato che previene il cancro, il diabete e i disturbi cardiovascolari. In oriente è conosciuto con il nome “huang qi” ed è un rimedio ottimo per lo stress fisico e mentale. Probabilmente questo nome non vi dice assolutamente nulla ma il principio attivo contenuto nella pianta, l’astragaloside IV, riduce i danni a carico del muscolo cardiaco, del fegato e del tratto intestinale.

astragalo

Possiamo considerare l’astragalo come un tonico per l’organismo, oltre alle proprietà che vi abbiamo indicato infatti, è importante per prevenire il declino cognitivo e lo sviluppo di malattie degenerative. Se viene assunto quotidianamente migliora la memoria ed è un ottimo rimedio per tutti quegli studenti vicini agli esami.

L‘azione energizzante dell’astragalo avviene anche a livello del sistema immunitario. Una recente ricerca condotta sulla pianta ha portato alla luce la sua attività fagocitaria nei confronti delle cellule e la sua partecipazione alla trasformazione dei linfociti T. All’interno dell’astragalo vi sono anche dei polisaccaridi che evitano l’atrofia di organi molto importanti predisposti alla difesa dell’organismo tra cui la milza, alcuni linfonodi e il timo. Ma non finisce qui, perché gli altri principi attivi contenuti nella pianta come gli astragalani e gli astragaloglucani sono responsabili dell’aumento dei livelli di IgM, IgE e interferone. Tutto questo, tradotto per i non esperti del settore, significa che l’astragalo aumenta le difese dell’organismo quando ci sono infezioni virali, garantendo una pronta guarigione.

Gli amanti del fai da te e del giardino sul balcone non possono cimentarsi nella sua coltivazione perché è molto difficile. In erboristeria e in farmacia esistono delle soluzioni già pronte sotto forma di tinture e gocce o la radice essiccata. Sono disponibili anche le capsule da mandare giù con un bel bicchiere d’acqua a temperatura ambiente. Le dosi da assumere sono riportare sulla confezione.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 20 Media: 4]

ValeriaM

Informazioni sull'autore
Laureata in Filologia Classica, da sempre appassionata di scrittura e copywriting. Classe 1989, ama leggere, andare al cinema e a teatro, allevare cani e gatti e mangiare i biscotti di Bellagio.
Tutti i post di ValeriaM