Placare il vuoto interiore con betulla e stevia

Quando il nostro corpo diventa la dimora preferita dei carboidrati, riuscire a dimagrire diventa un’impresa impossibile. La prima cosa da fare è liberarsi dalle tossine, come? Usando la betulla e la linfa rispettivamente la linfa di un albero e un dolcificante rivoluzionario perché 100% naturale.

stevia-herb-620x360

Tutti sognano di tornare in forma in breve tempo ma quando si inizia un percorso dimagrante è difficile conciliare gli impegni con la dieta ferrea, inoltre spesso sorgono dei problemi e aumenta la voglia di comfort food per compensare la mancanza di dolcezza. Purtroppo non abbiamo la soluzione per tutti i problemi perché alcune carenze (tipo quella d’affetto) andrebbero colmate diversamente, tuttavia basta analizzare il proprio comportamento alimentare.

Se la voglia di dolce vi prende soprattutto alla sera, fate un pasto leggero a base di verdure senza condimenti aggiuntivi come olio e aceto balsamico e con poche proteine tipo carne magra, pesce o derivati dalla soia. Per lo spuntino pomeridiano ci sono delle squisite barrette di soia ricoperte con cioccolato tipo quelle che usano gli sportivi che hanno poche calorie e riescono a compensare la “voglia di qualcosa di buono”. Il vuoto che sentiamo dentro non è fame, quindi non può essere riempito con il cibo, anche perché non facciamo altro che appesantire il nostro corpo.

Come dicevamo all’inizio del nostro articolo la betulla e la stevia sono due alleate perfette. La betulla ha un sapore amaro e poco gradevole se non riuscite a bere la tisana provate con le gocce da diluire in un bicchiere d’acqua. La linfa di betulla è ricca di betulina, acidi organici, proteine, calcio, magnesio, potassio e manganese. Inoltre ha proprietà diuretiche e depurative. Se vi sentite pronte a tutto pur di dimagrire, dolcificate la tisana di betulla con la stevia una pianta che ha foglie dolcissime, apprezzata dai popoli indigeni. Dovete sapere che la stevia è molto più dolce dello zucchero solo che dolcifica senza calorie. In commercio esiste sia in foglie essiccate che in polvere.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 17 Media: 5]

ValeriaM

Informazioni sull'autore
Laureata in Filologia Classica, da sempre appassionata di scrittura e copywriting. Classe 1989, ama leggere, andare al cinema e a teatro, allevare cani e gatti e mangiare i biscotti di Bellagio.
Tutti i post di ValeriaM