Attenzione ai grassi

Per preservare la salute e per non ingrassare è bene conoscere e assumere i grassi giusti: indubbiamente, l’olio extra-vergine d’oliva, se consumato con moderazione (2-3 cucchiai al giorno, meglio se a crudo), è il migliore: è sano e protegge il cuore.

Esistono diversi tipi di grassi:

  • grassi saturi: presenti nella panna, nel burro e nei formaggi cremoso, essi derivano da cibi di origine animale (ad eccezione dell’olio di cocco e di palma) e possono essere facilmente riconosciuti per il loro aspetto solido; il loro consumo aumenta il rischio di obesità, il colesterolo cattivo e problemi cardiaci;
  • grassi insaturi: sono liquidi (oli) e si ottengono dai vegetali. Presenti nell’olio d’oliva e nell’olio di girasole, il loro consumo si relaziona con livelli maggiori di colesterolo buono;
  • grassi alterati: sono i peggiori; si tratta di grassi la cui natura è stata alterata, cioè oli vegetali trasformati per idrogenazione in grasso solido: tale processo inibisce le virtù iniziali degli oli; presenti nella margarina, nei piatti pronti e nei dolci confezionati, il loro consumo aumenta il colesterolo cattivo. Sulle etichette dei prodotti compaiono come “grassi parzialmente/totalmente idrogenati“.
Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 12 Media: 4]