Afte: cause, cure e prevenzione

Le afte sono delle piccole ulcerazioni superficiali, localizzate soprattutto all’interno della mucosa della bocca e sulla faringe, sul palato, sulle gengive o sulla lingua.

Sono dolorose, ricorrenti e possono essere singole o multiple. Dal momento della loro comparsa fino alla completa guarigione possono trascorrere 1-2 settimane e, in alcuni casi, la loro comparsa può essere associata a lievi stati febbrili e malessere generale.

Si tratta di un disturbo molto diffuso (ne soffrono 1 persona su 5), in particolare tra le giovani donne.

Le cause precise della loro comparsa non sono ancora ben note. Certe sono però:

  • la familiarità;
  • le carenze di ferro, vitamine (B, B6, B12, C) e acido folico;
  • lo stress;
  • le carenze immunitarie.

Le afte compaiono anche dopo traumi alla lingua, come ad esempio le morsicature accidentali.

Per curarle ed accelerare la loro guarigione ci sono paste locali a base di antifiammatori, cortisonici, anestetici, oppure colluttori e spray a base di cicatrizzanti naturali. Nel caso in cui gli esami rivelino una carenza di ferro o vitamine, è consigliabile l’integrazione di queste sostanze. Ottime anche le toccature con l’olio essenziale di tea tree concentrato freddo che ha proprietà decongestionanti e cicatrizzanti.

L’alimentazione svolge un importante ruolo nella loro cura e prevenzione: si consiglia di ridurre l’uso di sale e alimenti speziati. Inoltre, la comparsa delle afte è stata associata anche ad una dieta ricca di noci, ananas e cannella.

Se le afte si presentano più volte nell’arco di pochi mesi o trascorrono più di 10 giorni dalla loro comparsa senza alcun segno di miglioramento è bene rivolgersi al proprio medico di fiducia per effettuare alcuni esami del sangue, tipo la conta del globuli rossi e bianchi, gli indici infiammatori, il dosaggio delle vitamine del gruppo B e test reumatici per la diagnosi delle malattie del tessuto connettivo.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 9 Media: 5]