Home Diete Dieta proteica

Dieta proteica

dieta-chetogenica-come-funziona

La dieta proteica  è divenuta in questi anni molto famosa, soprattutto grazie all’enorme successo della dieta Dukan, un esempio di dieta proteica che ha conquistato milioni di persone in tutto il mondo garantendo un ottimo risultato in termini di dimagrimento ma scatenando al contempo tantissime polemiche. La dieta proteica è infatti da sempre considerata una delle diete last minute più efficaci poichè permette di perdere peso in poco tempo, senza comportare una diminuzione della massa muscolare, ma solo di quella grassa.

Si tratta dunque di un regime alimentare, come indica lo stesso nome, a base di proteine in cui si consumano cibi come il pesce, la carne magra, le uova, i legumi e i cerali. Ovviamente  si tratta di una dieta molto efficace, ma che dovrebbe essere seguita solo per un breve periodo, al massimo 10 giorni per non affaticare troppo i reni a causa della grande quantità di proteine che contiene.

La dieta proteica: cos’è in pratica?

La dieta proteica è dunque una tipologia di alimentazione low carb, ossia priva di carboidrati con la sola assunzione di verdura proteine e pochi grassi. In tal modo riuscirete in tempi record a dimagrire senza fatica e senza dover combattere troppo con i morsi della fame, rimodellando allo stesso tempo il corpo nei punti giusti.

Un programma alimentare proteico prevede ogni giorno l’assunzione di circa 600-800 calorie e deve essere intrapresa solo se si è in perfetta forma in questo modo in soli dieci giorni perderete circa 2 kg se siete in sovrappeso lieve e3-4 kg se siete in sovrappeso grave.

Per evitare di riprendere tutti i chili persi infine verso la fine della dieta dovrete consumare una volta ogni tre giorni i carboidrati in modo da reinserire gradualmente questi alimenti nella vostra dieta mantenendo il peso raggiunto. In questo modo avrete risultati migliori e molto più duraturi godendovi gli ottimi risultati della dieta proteica.

Ma come funziona la dieta proteica? Il funzionamento di questa dieta molto semplice perchè permette all’organismo di bruciare tutte le riserve di grasso possedute molto più velocemente. Come detto in precedenza la dieta proteica non può essere seguita per un lungo periodo, ma se volete continuare a dimagrire e volete mantenere il peso forma vi consigliamo, subito dopo aver terminato la dieta proteica, di seguire una dieta proteica vegetariana che sfrutta le proprietà dei legumi, che sono particolarmente ricchi di proteine.

Il menù della dieta proteica: gli alimenti consigliati

538125_615871667_dieta-chetogenica_H220234_L
Cerchiamo dunque di capire quali sono gli alimenti da consumare nella dieta proteica e quale potrebbe essere il menù di questa dieta. Ad esempio il primo giorno potete consumare del latte con del caffè, accompagnato con delle fette biscottate condite con marmellata, come spuntino si consiglia un frutto, mentre a pranzo è ottima la minestra di fagioli con delle fettine di prosciutto crudo e un’insalata mista.
Negli spuntini potete consumare yogurt con i cereali oppure della frutta, specie quella brucia grassi, come l’ananas o il kiwi. Per cena invece si consiglia di mangiare del buon pesce al forno con un contorno di melanzane ai ferri e qualche fetta di pane integrale.

Come potete notare è una dieta tutt’altro che noiosa, in cui potete trovare diversi piatti sbizzarrendovi nel creare i vostri menù. Per non affaticare i reni, a causa dell’alto carico di proteine, si consiglia di consumare molta frutta e verdura, anche lontano dai pasti. Mangiate ad esempio una bella bruschetta al tonno con un contorno di verdura lessa oppure la carne ai ferri e una bella insalata con verdure di stagione in modo da fare anche il pieno di vitamine per sentirvi bene e in forma.

Ottimi anche i centrifugati e le spremute di frutta, che vi daranno la giusta energia, come condimenti invece la dieta proteica prevede olio extravergine d’oliva, che però non deve essere più di due cucchiai, spezie ed odori vari, ma soprattutto il peperoncino che oltre ad essere un alimento ricco di proprietà antiossidanti è anche un ottimo cibo brucia grassi.

Esistono numerose versioni della dieta proteica che qui potrete trovare e consultare tentando di capire qual’è la più adatta a voi e quali menù preferite per iniziare. Ricordatevi ovviamente che la dieta deve essere sempre sommata all’attività fisica e che, soprattutto la dieta proteica, deve essere seguita solo se si è in perfetta salute e solo dopo aver ricevuto l’assenso dal proprio medico curante.

Dieta proteica: menù di esempio

dieta proteica

1 giorno – lunedì

Colazione: latte accompagnato da frutta, nocciole e cereali.

Spuntino a metà mattina: 1 kiwi (o altro frutto di stagione)

Pranzo: pasta integrale condita con il pomodoro, accompagnato da parmigiano grattugiato. A seguire 100 grammi di lattuga condita con olio extra vergine di oliva.

Spuntino a metà pomeriggio: yogurt

Cena: Cuocere 200 grammi di petto di pollo appa piastra, accompagnato da 200 grammi di zucchine. Come condimento olio extra vergine di oliva. 60 grammi di pane integrale.

2 giorno – martedì

Colazione: latte con corn flakes

Spuntino: 1 mela

Pranzo: 80 grammi di riso integrale condito con rucola, radicchio, parmigiano grattugiato e olio extra vergine di oliva.

Spuntino: Yogurt scremato

Cena: 220 grammi di filetto di tonno cotto alla piastra, accompagnato da indivia, olio extravergine di oliva e pane integrale.

3 giorno – mercoledì

Colazione: latte accompagnato da frutta e nocciole

Spuntino: arancia

Pranzo: 250 grammi di patate lesse accompagnate da 60 grammi di fagioli secchi e parmigiano grattugiato. Il tutto condito con olio extra vergine di oliva.

Spuntino: yogurt scremato

Cena: 200 grammi di fiocchi di latte, accompagnati da pomodorini e pane integrale.

4 giorno – giovedì

Colazione: latte accompagnato da corn flakes

Spuntino: una pera

Pranzo: 150 grammi di pizza margherita accompagnata da prosciutto cotto.

Spuntino: yogurt scremato

Cena: frittata di albumi d’uovo (200 grammi), accompagnata da carciofi e pane integrale.

5 giorno – venerdì

Colazione: latte accompagnato da frutta e nocciole

Spuntino: un kiwi

Pranzo. 90 grammi di pasta integrale condita con zucchine e parmigiano grattugiato. A seguire lattuga condita con olio extravergine di oliva.

Spuntino: yogurt scremato

Cena: 200 grammi di petto di tacchino cotto alla piastra, accompagnato da melanzane e olio extravergine di oliva.

6 giorno – sabato

Colazione: latte accompagnato da frutta e nocciole.

Spuntino: una pera

Pranzo: 80 grammi di riso condito con funghi champignon, radicchio e parmigiano grattugiato.

Spuntino: yogurt

Cena: 200 grammi di spigola seguita da indivia e condita con olio extravergine di oliva. Pane integrale 60 grammi.

7 giorno – domenica

Colazione: latte accompagnato da frutta e nocciole

Spuntino: mela

Pranzo: 250 grammi di patate lesse accompagnate da 180 grammi di piselli secchi e parmigiano grattugiato.

Spuntino: yogurt scremato

Cena:Lombo di vitello, 200 grammi. Seguito da 100 grammi di rucola, pane integrale e olio extravergine di oliva.

Controindicazioni dieta proteica

Il modello di dieta proteica è fortemente criticato da moltissimi esperti di scienze alimentari. E’ importante sottolineare che in questi regimi alimentari grassi e carboidrati vengono notevolmente ridotti, in alcuni casi anche esclusi. Lo scopo è ovviamente quello di accelerare il dimagrimeto.

Si tratta di un regime alimentare che può avere gravi conseguenze sul benessere generale del corpo. Alcuni disturbi che potrebbero comparire sono:

  • Mal di testa e cefalee: si possono presentare praticamente da subito nel momento in cui viene seguita una dieta proteica. Il motivo è che il corpo si vede privato delle sue fonti di energia a causa della scarsa o nulla quantità di carboidrati introdotta.
  • Vengono sviluppati corpi chetonici: l’aumento dei corpi chetonici può portare a diversi squilibri, con tanto di aritmie, nausea e vertigine.
  • Alitosi: la causa dell’alito cattivo è dall’utilizzo eccessivo di trigliceridi, i quali producono un alito molto particolare.
  • Ovulazione e ciclo mestruale soggetto a modifiche: gli ormoni femminili e il tessuto adiposo sono strettamente collegati tra loro. Quando vi è una modifica a livello ormonale, ecco che la donna può essere soggetta a anovulazione e amenorrea.
  • Rischio di cancro al colon e il retto: secondo alcuni studi effettuati negli ultimi anni, una dieta eccessivamente ricca di proteine animali e povera di carboidrati, può portare all’insorgenza di cancro. Il motivo è che i grassi contenuti nelle carni rosse rallenta la mobilità intestinale, esponendo l’intestino all’esposizione prolungata dei germi putrefatt.
  • Stipsi o diarrea: a causa della scarsa quantità di fibre inserite nella dieta il corpo reagisce andando in diarrea o stitichezza.
  • Colesterolo: a causa del consumo eccessivo di carne e uova, il colesterolo può aumentare, provocando anche malattie cardiovascolari.
  • Depressione: l’ipoglicemia, causata dalla alimentazione ricca di proteine e scarsa di carboidrati e grassi. Tutto questo incide sugli organi come il sistema nervoso, andando a incidere proprio sui nervi, portando a irritabilità e depressione

Dieta proteica: lo scopo

Le diete dimagranti pur essendo diverse fra loro, hanno sempre il solito comune obbiettivo ovvero, far perdere peso. Per poter riuscire in tale impresa, la prima cosa che dovrà essere controllata è il numero di Kcal assimilate tramite l’alimentazione.

In pratica meno calorie sono presenti nell’organismo e più facile sarà perdere massa grassa.
Il motivo è semplice, l’organismo non trovando le Kcal di cui necessita, si metterà in moto e comincerà ad utilizzare le così dette “riserve di grasso”.

Perdere peso sarà più facile con questo tipo di dieta. Ma adesso per capire meglio un passo per volta verranno elencati i vari passaggi di una dieta ipocalorica.

1. Tenere sotto controllo i grassi assimilati tramite l’alimentazione: I grassi assimilati in quantità molto ridotte, indurranno l’organismo ad assorbire i depositi di grasso già presenti al suo interno. In questo modo perdere peso sarà molto più facile.

2. Escludere oppure diminuire notevolmente i carboidrati, lo stesso vale per cibi con percentuali considerevoli di zuccheri: Il grasso depositato nell’organismo verrà assimilato per sostituire i carboidrati e gli zuccheri che vengano a mancare. In questo modo l’organismo potrà ottenere lo stesso le energie di cui a bisogno.

3. Assimilare molte proteine: Le proteine garantiscano energia all’organismo ed in particolare ai muscoli. Inoltre offre due vantaggi, il primo che aumenta la massa magra. Mentre il secondo aspetto è rivolto al dimagrimento vero e proprio, dovuto dall’organismo che assimila maggiormente la massa grassa.

Come aumentare la massa muscolare tramite una dieta proteica ipercalorica

muscoli

La dieta proteica per aumentare la massa muscolare. Un metodo specifico adottato da molte persone, le quali desiderano aumentare i muscoli e renderli più voluminosi.
Ecco cosa viene richiesto in questo tipo di dieta:

1. Assimilazione di molte proteine
2. Tante calorie
3. Carboidrati
4. Grassi ma non in eccesso

I muscoli hanno bisogno di molte calorie per potersi sviluppare e reggere in contempo lo sforzo fisico dovuto dall’allenamento. Circa 2000 Kcal solitamente devano essere assimilate nell’arco della giornata.

Esempio di dieta proteica per aumentare la massa muscolare

Colazione: Fette biscottate, seguite da yogurt magro (150 grammi circa) e arachidi oppure mandorle (circa 20 grammi)

Spuntino: sempre arachidi (circa 20 grammi) e della frutta (100 grammi) di stagione

Pranzo: Parmigiano reggiano (30 grammi), riso integrale (100 grammi), dell’olio extravergine d’oliva (almeno 10 grammi), tonno (100 grammi) e insalata con pomodori

Merenda: Della ricotta almeno 200 grammi

Cena: Fesa di tacchino (150 grammi), olive (20 grammi) e pane integrale circa 60 grammi.

Sfortunatamente le diete ad alto contenuto di proteine non sono appropriate per tutti. Vediamo quali sono gli sport che richiedono un tipo di alimentazione differente da quella appena vista.

Il nuoto: Questo tipo di sport necessita di un altro tipo di dieta. I carboidrati dovranno essere la sostanza predominante, ovvero circa il 65%. Aspetto che non può essere applicato in un regime alimentare ad alto contenuto di proteine e calorie.

Body building: Le proteine sono fondamentali per coloro che praticano questo tipo di attività. Un regime alimentare ad alto contenuto di queste sostanze si rivelerà più che idoneo per coloro che praticano body building.

La maratona o la semplice corsa: Questi tipi di attività richiedono carboidrati e non proteine. Di conseguenza un regime ad alto contenuto proteico non è proprio quello che ci vuole.

Alcuni benefici della dieta proteica

  • Capelli più forti e resistenti.Il motivo è semplice: il capello è composto da proteine e per tanto, integrarle in grandi quantità, aiuta a renderli più forti.
  • Le proteine contrastano la cellulite e la ritenzione idrica. Ovviamente dovranno essere abbinate ad un consumo elevato di acqua. Circa due litri al giorno per poter ripulire l’organismo dalle scorie.
  • Grazie alle proteine sarà possibile aumentare i muscoli e la loro voluminosità. Chiaramente il numero di queste sostanze dovrà essere elevato. Inoltre sarà richiesta anche l’attività fisica, un regime alimentare proteico non può bastare da solo.
  • Anche la pelle potrà trarre dei benefici grazie alle proteine. Ovvero risulterà più giovane ed lucente. Le proteine migliorano anche il metabolismo, ed inoltre aiutano a perdere peso.

Scopri quale dieta per dimagrire velocemente è più adatta a te

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 17 Media: 3.6]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.