Home Diete La dieta zen del rientro

La dieta zen del rientro

Anche se per molte persone le vacanze non sono ancora finite, si pensa già alla dieta da proporre al rientro, la quale deve cercare di far sgonfiare e dimagrire chi nel periodo estivo si è lasciato tentare dagli eccessi, ma si propone anche di introdurre il ritorno al lavoro con una filosofia diversa, per non soffrire di ripercussioni psicologiche e affrontare l’autunno con il piede giusto. Ecco quindi nascere la dieta zen del rientro, un regime alimentare che si propone come una piccola guida ragionata al ritorno, alla riacquisizione delle abitudini e un inno alla ricerca di uno stato mentale migliore. La dieta zen del rientro si basa, infatti, sul concetto ‘state buoni se potete’ ovvero richiede di controllare le emozioni negative e il senso di stress per la conclusione delle vacanze, richiedendo di fare almeno 2500 passi al giorno, ovvero di muovere il fisico in modo dolce ma meditativo, senza partire con il botto, ma aggiungendo un po’ di attività fisica giornaliera che mette in movimento il corpo senza mai stressarlo.

dieta zen rientro vacanze

Questa prima richiesta, di tipologia fisica, si associa alla volontà di consumare pasti leggeri ma sazianti, sostituiscono gli ingredienti canonici con prodotti alternativi. Secondo lo zen, ogni soggetto ha la possibilità di cambiare il suo stato, poiché nulla permane e tutto scorre, quindi ogni situazione è mutevole, a patto che i soggetti vogliano davvero cambiarla. La volontà si propone come la base dell’approccio zen, in quanto ogni stato può essere cambiato e migliorato con la convinzione e con la tenacia. È infatti consolidato che molte persone falliscono il loro approccio alimentare dietetico in quanto sono convinte di non farcela a dimagrire, quindi la dieta zen mira a regalare un approccio di origine alimentare e psicologico che guarda alla tenacia e al raggiungimento di certi obiettivi ben prefissati.

Questi concetti sono stati sviluppati da Lilian Cheung, ricercatrice alla Harvard School of Public Health negli Stati Uniti e dal monaco zen Thich Nhat Hanh. I due hanno quindi unito le loro conoscenze e scritto a due mani un volume che si promette di diventare un vero e proprio best seller: Mangiare Zen, edito da Mondadori. Il libro affronta la propensione mentale indispensabile per perdere peso in modo zen, la quale si basa sulla scelta di mirati alimenti. Tutto inizia con la diminuzione di bevande dolci, come le bibite zuccherine ma anche gli eccitanti dolcificati con zucchero, che vanno ridotti a soli due alla settimana. Nel resto del tempo viene richiesto di consumare centrifughe di frutta e di verdura, oppure bibite drenanti e salutari con il te verde e il roobois, senza zucchero. Per quanto riguarda l’attività fisica, la dieta zen richiede di fare 2500 passi al giorno e di praticare il respiro consapevole per 20 minuti.

Queste pratiche aiutano a sgonfiare il girovita e assicurano la longevità in quanto ogni azione fisica viene svolta con calma, permettendo al corpo si ossigenarsi al meglio. Nelle seconde settimane di dieta zen viene richiesto di sostituire i carboidrati con prodotti integrali e di provare dei cereali diversi, nonché di aumentare lo sforzo fisico a 5mila passi, mentre nella settimana quinta, (la dieta zen viene pensata per circa otto settimane) viene richiesto di iniziare ogni pasto con una porzione di verdura fresca e di aumentare a 7500 il numero dei passi. Nelle ultime due settimane conclusive le proteine alimentari devono essere attinte dai legumi e dai cibi a base di soia, quindi viene richiesto di sostituire la carne con tofu & co. per apportare una dieta simil vegetariana molto leggera e i passi aumentano a 9mila. So tratta, in definitiva, di un regime alimentare poco restrittivo, ma che richiede un approccio mentale molto forte, dove le sensazioni negative vengono abbattute mediante la meditazione e dove ogni traguardo deve essere piccolo. Non è, infatti, salubre voler perdere di botto 15 chili, mentre è positivo prefissarsi di perdere un chilo alla volta. La lentezza e la meditazione diventano quindi i pilastri di questa dieta, che si promette di far dimagrire chi la segue e di regalare un approccio migliore alla vita di ogni giorno.

Scopri quale dieta per dimagrire velocemente è più adatta a te

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 12 Media: 4]
Laureata in Filologia Classica, da sempre appassionata di scrittura e copywriting. Classe 1989, ama leggere, andare al cinema e a teatro, allevare cani e gatti e mangiare i biscotti di Bellagio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.