Reverse dieting: cos’è, come funziona, di quanto aumentare le calorie ed esempio menu

Ogni dieta comporta uno schema che promette di calibrare o stravolgere le abitudini a tavola. Scopriamo cosa significa fare la reverse dieting e quali obiettivi possono raggiungere!

Dimagrire- foto pixabay.com

Negli ultimi anni la reverse diet è finita sotto i riflettori per via dell’idea di base: stravolgere la dieta in modo da resettare il metabolismo.

Per capire se la dieta reverse è la dieta giusta occorre capire meglio i principi base e gli obiettivi in relazione alle esigenze individuali.

Reverse diet: Cos’è esattamente?

Cosa significa reverse diet? Sostanzialmente è un dieta inversa che aumenta la quota di calorie quotidiane al posto di ridurle come fa la maggior parte delle diete.

Questo non significa mangiare in quantità tutti i giorni, visto che è necessario studiare la quantità calorica giusta per non ingrassare.

Quando fare la reverse diet? L’obiettivo di questo tipo di dieta è sconvolgere il ritmo del metabolismo per riattivarlo in seguito ai danni provocati dalle diete ipocaloriche troppo restrittive.

Il rallentamento del metabolismo è la “modalità sopravvivenza” dell’organismo che scatta in seguito a pasti limitati e lunghi digiuni.

Come funziona la reverse diet

La reverse diet non è una dieta accessibile a tutti, anzi deve essere personalizzata in base alla condizione di partenza e alle esigenze personali.

Dopo aver capito la quota calorica assunta, quindi, lo schema alimentare deve essere tarato su una soglia leggermente superiore in modo da far ripartire il metabolismo e permettere di bruciare in modo corretto.

Il corpo si allontana dalla “modalità sopravvivenza” e non si interessa più di preservare l’apporto calorico in vista di periodi di digiuno. Così il metabolismo inizierà a lavorare bene.

Le regole per iniziare la reverse diet

Per sapere come impostare una reverse diet senza ingrassare e costruire un menu giornaliero ad hoc è necessaria la supervisione di uno specialista.

Nella reverse diete per esempio è necessario non esagerare con i carboidrati in un giorno ed escluderli completamente il giorno successivo. Il corpo potrebbe ricevere un messaggio sbagliato e alterare la produzione insulinica.

Cosa mangiare in reverse diet? Il menu giornaliero deve essere studiato dal punto di vista calorico e deve essere ripartito in proteine, carboidrati e grassi nelle quantità giuste.

Il reset del metabolismo passa anche e soprattutto dall’attività fisica, visto che l’aumento calorico potrebbe far mettere su peso se non si accompagna l’allenamento alla reverse diet.

Reverse diet: Menu settimanale

Questa dieta andrebbe seguita sotto la supervisione di un esperto, ma è possibile capire meglio a cosa si va incontro con la reverse diet leggendo un menu esempio.

Lunedì

  • Colazione – Un bicchiere di latte, una manciata di pistacchi e una frittata semplice.
  • Spuntino – Qualche noce.
  • Pranzo – Una fetta di carne con un contorno di verdure grigliate e una manciata di mandorle.
  • Merenda – Un vasetto di yogurt.
  • Cena – Una spigola al forno con contorno di finocchi e qualche nocciola.

Martedì

  • Colazione – Un bicchiere di latte, una manciata di nocciole e una frittata semplice.
  • Spuntino – Un pugno di pistacchio.
  • Pranzo – Un filetto con melanzane di contorno e una manciata di noci.
  • Merenda – Un vasetto di yogurt.
  • Cena – Un’orata con contorno di spinaci e un paio di mandorle.

Mercoledì

  • Colazione – Un bicchiere di latte, una manciata di mandorle e una frittata semplice.
  • Spuntino – Una manciata di nocciole.
  • Pranzo – Una porzione di ricotta con un contorno di carote una manciata di pistacchi.
  • Merenda – Un vasetto di yogurt.
  • Cena – Una spigola con biete e qualche noce.

Giovedì

  • Colazione – Un bicchiere di latte, una manciata di noci e una frittata semplice.
  • Spuntino – Un po’ di pistacchi.
  • Pranzo – Una porzione di filetto di pollo con carciofi e una manciata di nocciole.
  • Merenda – Un vasetto di yogurt.
  • Cena – Un’insalata verde con tonno e qualche mandorla.

Venerdì

  • Colazione – Un bicchiere di latte, una manciata di pistacchi e una frittata semplice.
  • Spuntino – Un paio di noci.
  • Pranzo – Una porzione di merluzzo con un contorno di broccoli e una manciata di mandorle.
  • Merenda – Un vasetto di yogurt.
  • Cena – Qualche fetta di formaggio con pomodori e nocciole.

Sabato

  • Colazione – Un bicchiere di latte e una fetta biscottata con un cucchiaio di marmellata senza zuccheri.
  • Spuntino – Un frutto di stagione.
  • Pranzo – Un piatto di pasta con pomodoro, un contorno di zucchine e un panino integrale.
  • Merenda – Un vasetto di yogurt.
  • Cena – Una spigola al forno con contorno di melanzane e qualche fetta di pane integrale.
  •  di formaggio con pomodori e nocciole.

Domenica

  • Colazione – Un bicchiere di latte e una fetta biscottata con un cucchiaio di marmellata senza zuccheri.
  • Spuntino – Un frutto di stagione.
  • Pranzo – Un piatto di riso condito con funghi, una porzione di spinaci e un panino integrale.
  • Merenda – Un vasetto di yogurt.
  • Cena – Un’orata al forno con contorno di finocchi e un panino integrale.

Quanto tempo stare in reverse dieting?

Non c’è un tempo minimo o un tempo massimo di durata della reverse dieta: ogni corpo risponde in modo differente.

In linea di massima è bene sapere che i risultati non sono immediati e possono richiede un aumento graduale di 500-100 calorie della quota calorica.

Scopri quale dieta per dimagrire velocemente è più adatta a te

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

Myriam

Informazioni sull'autore
Laureata in Informazione e sistemi editoriali, appassionata di regimi alimentari e animata dalla voglia di trovare la ricetta perfetta per uno stile di vita sano.
Tutti i post di Myriam