Dieta contro la candida

La candida è un’infezione dovuta alla proliferazione di un fungo, di cui il più comune è il Candida albicans.

In molti casi, alle cure antibiotiche si consiglia di affiancare una dieta specifica, che miri ad impedire l’eccessivo proliferare di questo microrganismo e ad aumentare le difese immunitarie dell’organismo.

In sostanza, la persona affetta da candidosi deve seguire un’alimentazione povera di zuccheri, lieviti e carboidrati, i quali favoriscono la fermentazione e la proliferazione della malattia.

Tra gli alimenti da evitare assolutamente troviamo dolciumi di ogni tipo, bevande alcoliche e zuccherine, cibi affumicati, cibi ricchi di conservanti, frutta secca, e aceto. Va invece limitato il consumo di latte e dei suoi derivati (unica eccezione lo yogurt senza zucchero), il pane (meglio scegliere quello non lievitato) e tutti prodotti da forno (pizza, tarallini, focacce…).

La dieta contro la candida prevede un incremento di aglio, pesce, uova, carne magra, riso integrale e verdure a basso contenuto di carboidrati (spinaci, lattuga, broccoli, cetrioli e asparagi).

Queste regole alimentari devono essere seguite in modo scrupoloso le prime settimane, poi man mano che i sintomi migliorano si possono reinserire gradualmente i cereali. In ogni caso, per evitare ricadute è bene non eccedere mai con il consumo di zuccheri semplici e carboidrati.

 

Scopri quale dieta per dimagrire velocemente è più adatta a te

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 12 Media: 4]