Mantenimento della dieta dei germogli

Il programma di mantenimento da seguire dopo la dieta dei germogli fornisce circa 1600 calorie. Dura 2 settimane e permette di stabilizzare il peso raggiunto con la dieta dimagrante. Può essere utile ripeterlo durante la primavera per una settimana ogni mese, fino all’estate, in modo da arrivare in linea all’appuntamento con il bikini. Sono concessi tutti gli ortaggi escluse le patate. I pesi indicati, dove non diversamente specificato, sono da intendersi al crudo e al netto degli scarti. In caso di necessità si può cambiare il pranzo con la cena di una stessa giornata. Usare dolcificante ipocalorico.

Colazione: tè verde o caffè d’orzo; un vasetto di yogurt magro naturale con 3 cucchiaiate di fiocchi di cereali.

Spuntino metà mattina: 200 gr di frutta fresca di stagione.

Spuntino metà pomeriggio: una tazza di tè verde; 3 fette di pane integrale con 2 cucchiaini di miele.

Pranzo (3 volte a settimana): antipasto di verdure crude e/o cotte con germogli crudi conditi con limone, un cucchiaio di olio e sale marino integrale; 80 gr di pasta o riso con pomodoro fresco e basilico e un cucchiaino d’olio.

4 volte la settimana: insalata mista con germogli crudi, condita con succo di limone e un cucchiaino di olio; 100 gr di pane integrale.

Cena: verdure crude e/o cotte con 200 gr di germogli, condite con un cucchiaino di olio; 50 gr di pane integrale e a scelta uno dei seguenti piatti:
(2 volte la settimana) 2 uova alla coque o in camicia o 200 gr di pesce cotto al vapore o ai ferri oppure tonno in salamoia.
1 volta la settimana: 120 gr di carne ai ferri o 80 gr di formaggio (mozzarella, scamorza, primosale, caciotta fresca) oppure 180 gr di ricotta o di formaggio light o insalatona di ortaggi crudi o germogli con 160 gr di cannellini fagioli borlotti.

L’efficacia disintossicante della dieta dei germogli si potenzia adottando alcuni accorgimenti: bere di più almeno 6-8 bicchieri al giorno di liquidi a scelta tra acqua, succhi di frutta non zuccherati, spremute o infusi d’erbe senza zucchero. Mangiare più frutta e verdura di stagione. In particolare per depurare l’organismo oltre ai germogli raccomandati il tarassaco, o insalata matta, che stimola le funzioni del fegato e favorisce la rimozione dei liquidi ristagnanti, e l’asparago, che agisce sui reni favorendo la diuresi. Evitare il più possibile cibi conservati o trattati con additivi chimici.

Scopri quale dieta per dimagrire velocemente è più adatta a te

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 10 Media: 4]