Scegli i cibi a basso indice glicemico

Una delle principale ragioni del fallimento di molte diete è l’errata abitudine a prestare attenzione solo agli aspetti quantitativi dell’alimentazione (numero di calorie, percenturale dei nutrienti…), trascurando le reazioni interne all’organismo, quelle che si instaurano tra il nostro corpo e il cibo introdotto.

Un valore da prendere bene in considerazione è l’indice glicemico (IG) degli alimenti: esso esprime la velocità con cui gli zuccheri presenti in un cibo vengono digeriti ed entrano in circolazione stimolando l’insulina.

Questa velocità varia da alimento ad alimento e da persona a persona, con inevitabili riscontri sul metabolismo e sulla linea.

Quando la glicemia si alza, infatti, già dopo un paio di ore dal pasto hai di nuovo fame, il metabolismo rallenta e tendi ad accumulare grasso; non solo, i picchi di insulina nel sangue favoriscono il diabete, la stipsi, la cellulite, gonfiori e il sovrappeso.

Ad esempio, molte persone pur mangiando quasi solo frutta non riescono a dimagrire: ciò succede perchè alcuni frutti (come le banane, l’ananas, i datteri…) hanno un IG elevato e dunque favoriscono l’accumulo del grasso e l’aumento del peso, soprattutto nella parte basa del corpo.

Per perdere peso, quindi, il primo passo è evitare di inserire nella dieta alimenti ad elevato indice glicemico e imparare a cucinare in modo sano.

Per smaltire i cuscinetti e mantenere attivo il metabolismo, ti consigliamo di eliminare dalla tua alimentazione, per almeno un mese, questi cibi:

  • Carne: hamburger e tutta la carne preparata con ricette troppo elaborate;
  • Frutta: ananas, datteri, melone, carote, zucca;
  • Farinacei: frollini, pane bianco, mesli, gnocchi, riso bianco lesso, brioche;
  • Dolci: gelato alla crema, miele, budino, wafer.

Porta in tavola, invece:

  • Farinacei: pane di segale, di orzo e di avena;
  • Legumi: lenticchie, piselli;
  • Pesce: tutti i tipi;
  • Carne: pollo tacchino;
  • Latte parzialmente scremato, latte di soia, yogurt scremato;
  • Bevande: tè, spremute d’arancia;
  • Frutta: mele, fragole, pere;
  • Verdura: asparagi, fagiolini, finocchi, insalate amare;
  • Dolci: gelato alla frutta, sorbetto, cioccolato amaro, fruttosio.
Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 6 Media: 5]