Le proprietà e i benefici dell’olio d’oliva

Tra i condimenti disponibili nella gastronomia italiana, l’olio d’oliva è sicuramente uno dei migliori, sia dal punto di vista del gusto, sia da quello salutare e dietetico.

Olio EVO- foto pixabay.com

Sono ormai numerose le prove scientifiche che hanno dimostrato gli effetti positivi dell’olio d’oliva, e in particolare di quello extravergine, sul nostro organismo.

I suoi benefici sono tanti:

  • svolge un’effetto antinfiammatorio e di stimolo su diversi organi: in particolare, aiuta il pancreas a produrre maggiori quantità di enzima digestivo, influisce positivamente sulla cistifellea e sulla mucosa che riveste l’interno dello stomaco e aumenta la produzione di bile;
  • grazie alla presenza di vitamine (K, A, E e D), di carotenoidi e di composti fenolici protegge dai radicali liberi e dall’invecchiamento cutaneo;
  • favorisce l’eliminazione di tutte le sostanze che favoriscono la proliferazione delle cellule cancerogene, grazie al contenuto di polifenoli;
  • protegge tutto l’apparato cardiaco, abbassando i livelli di colesterolo nel sangue;
  • è consigliato in caso di gastrite e ulcere;
  • protegge dalle alterazioni cutanee;
  • stimola le secrezioni gastriche favorendo una migliore digestione e un migliore assorbimento del calcio (noto minerale antifame);
  • regolarizza le funzioni intestinali, avendo un leggero effetto lassativo.

L’olio d’oliva è facilmente digeribile e un cucchiaino apporta solo 90 calorie; commette un grave errore, infatti, chi crede di dimagrire rinunciando a questo condimento: le vitamine liposolubili contenute negli ortaggi vengono assimilate dall’organismo solo in presenza di olio.

Questo prodotto è ottenuto da un processo di lavorazione delle olive: le olive nere apportano 235 calorie per 100 g, mentre in quelle verdi l’apporto calorico scende a 142 Kcal l’etto.

QUALE SCEGLIERE

Il migliore è l’olio extravergine d’oliva ottenuto dalla prima spremitura delle olive attraverso processi meccanici o fisici (quindi senza il ricorso ad interventi chimici) e in condizioni tali da non provocare alterazioni dell’olio. Per facilitare l’estrazione dell’olio viene utilizzato il calore, ma in una quantità tale da non provocare alterazioni.

La percentuale di acido oleico è un parametro importante per distinguere gli oli: l’olio extravergine di qualità ha una percentuale inferiore al 2%.

Per evitare che si alteri, è buona norma, conservarlo in bottiglie di vetro scure, al buio, ad una temperatura compresa tra i 10 e i 20 gradi; i fattori che ne favoriscono l’ossidazione sono: il contatto con alcuni metalli, la luce, l’ossigeno e gli acidi grassi liberi.

IN CUCINA

I più grandi chef consigliano di utilizzare l’olio d’oliva a crudo per condire qualsiasi piatto, dall’insalata alla pasta. E’altrettanto indicato per la frittura, in quanto ha un alto punto di fermo, cioè ha la particolarità di non degenerarsi se non a temperature molto elevate.

Una frittura con l’olio d’oliva, pur non essendo consigliabile per chi segue una dieta, ha il vantaggio di non contaminare gli alimenti con sostanze tossiche prodotte ad alte temperature da altri tipi di oli.

Come abbinarlo ai tuoi piatti

L’olio è detto fruttato quando presenta sentori di mandorla e pinoli: si caratterizza per il sapore dolce e per la sua delicatezza che non copre il sapore dei piatti: è ideale per insalate o carpacci di pesce, verdure bollite , pizza, zuppa di pesce, funghi trifolati, fritture.

L’olio mediamente fruttato, cosiddetto quando si percepisce un gusto leggermente amaro e piccante è ottimo per minestra, passati di verdura, legumi, pesce, carni bianche, carciofi, asparagi, bruschette e salse.

L’olio dolce intenso si caratterizza per le note piccanti e amare abbastanza decise e, in quanto tale, può coprire il sapore dei piatti; si consiglia, quindi, di utilizzarlo in minestre, zuppe, legumi lessi, carni e pesci alla griglia.

Infine, gli oli intensi e decisi, dal profumo erbaceo e dal gusto forte, amaro e piccante tendono a coprite totalmente il sapore del piatto: meglio riservarlo a crudo per condire insalate miste, carne in generale, pesce spada e tonno.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 14 Media: 4]