Freddo e batteri dell’intestino ci aiutano a dimagrire

Molti sono gli studi che finora hanno dimostrato come il freddo possa aiutarci a perdere peso e quindi a dimagrire in modo naturale. Il processo, secondo recentissimi studi, dipende da alcuni batteri che vivono nel nostro intestino. Si tratta di una notizia pubblicata sulla rivista scientifica The Cell e condotta dalla Università di Ginevra in Svizzera. La ricerca si è impegnata a dimostrate che il microbiota, ovvero la composizione della flora batterica intestinale cambia a seconda della temperatura esterna, portando il corpo a bruciare più o meno grassi a seconda della situazione che sta vivendo.

dieta-intestino-sano-744x445

L’obesità mostra una condizione alterata della flora intestinale e l’idea che esista una relazione fra la temperatura esterna e il dimagrimento è stata affrontata da tanti studi sul tema. Per dimostrare che questa correlazione sussiste, i ricercatori svizzeri hanno deciso di far alloggiare i topi da laboratorio per dieci giorni in un ambiente freddo, alla temperatura di 6°. Alla conclusione di questo periodo gli scienziati hanno analizzato la flora batterica presente nei topi, notando una forte alterazione rispetto ai canoni pre esperimento e hanno inoltre registrato che i roditori non hanno accumulato grasso corporeo.

Tutto ciò confermerebbe che i batteri promuovono l’attivazione del metabolismo e per confermare questo studio i ricercatori hanno trapiantato la flora batterica dei topi in un altro gruppo di roditori dove la flora era totalmente assente. Da questa analisi è emerso che il trapianto ha migliorato nel corso del tempo il metabolismo del glucosio e ha aumentato il livello di tolleranza alle basse temperature, promuovendo la perdita di peso. Si è trattata di un vero e proprio incrocio di dati che ha quindi confermato l’importanza del freddo nel promuovere il dimagrimento corporeo.

L’obiettivo degli studiosi si è concentrato nell’analizzare al massimo la composizione e anche le reazioni messe in atto dalla flora batterica che vive nell’intestino, in quanto essa è sempre più considerata fondamentale per godere di un ottimo stato di salute. A seconda del profilo del microbiota che una persona presenta, si può infatti agire su abitudini che interessano l’alimentazione, dando vita alle giuste terapie che possono migliorare il peso e soprattutto lo stato di salute generale degli esseri umani. E se la dieta non basta, la flora batterica può essere migliorata attraverso l’impiego di probiotici, da assumere sia in fase sintetica che attraverso un’integrazione di tipologia alimentare. In casi particolarmente difficili, si può infine pensare ad un trapianto della flora intestinale, un’operazione difficile ma non impossibile da attuarsi al giorno d’oggi.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 11 Media: 4]

ValeriaM

Informazioni sull'autore
Laureata in Filologia Classica, da sempre appassionata di scrittura e copywriting. Classe 1989, ama leggere, andare al cinema e a teatro, allevare cani e gatti e mangiare i biscotti di Bellagio.
Tutti i post di ValeriaM