Il latte aiuta a mantenere attivo il cervello

Nella nostra dieta quotidiana non deve mai mancare un bel bicchiere di latte. Quest’alimento garantisce al nostro organismo un migliore funzionamento evitando anche problemi gravi che potrebbero presentarsi con l’avanzare degli anni. E’ stato sempre detto come il latte contenga una grande quantità di calcio, indispensabile per rafforzare le nostra ossa. La carenza di calcio può provocare infatti gravi problemi, soprattutto nelle donne dopo la menopausa. Bere quindi regolarmente del latte non solo aiuta il nostro corpo ad una corretta funzionalità, ma è indispensabile per prevenire anche il decadimento neurologico.

E’ stato infatti scoperto attraverso uno studio effettuato nell’Università di Maine che bere almeno un bicchiere di latte al giorno può contribuire a mentere sempre in funzione l’attività cerebrale. L’esperimento è stato effettuato su circa 900 volontari e tutti hanno dimostrato di avere una funzionalità dei propri neuroni davvero molto attiva. Una scoperta importante che può in qualche modo essere utile a mantenere sempre il proprio cervello giovane e sveglio. Si sa che con l’andar degli anni inevitabilmente si arriva ad un invecchiamento cerebrale, con l’aiuto però del latte ciò non si verificherà praticamente più. Una notizia che al momento va in qualche modo approfondita, lo studio effettuato nell’Università di Maine deve essere sottoposto a nuovi esperimenti.

E’ chiaro che per il momento c’è una netta convinzione che il latte possa realmente aiutare il nostro cervello ad essere sempre al meglio della forma. Un motivo in più quindi per potersi gustare un bel bicchiere di latte al giorno, le cui proprietà ora sembrano essere ancora più importanti per la nostra salute fisica e a questo punto anche mentale. Non è chiaro sapere se questa proprietà di mantenere attivo le cellule del nostro cervello sia esclusivo solo al latte o se anche mangiando vari latticini possano esserci dei risultati positivi. E’ una ricerca che richiede indubbiamente di un maggiore approfondimento.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 8 Media: 5]