Omeopatia: Dalla parte della natura

 

Da una recente indagine condotta da DoxaPharma e presentata da  Omeoimprese, associazione italiana che rappresenta le aziende che producono medicinali omeopatici, l’82 % degli italiani conosce i farmaci omeopatici e il 16 % della popolazione ne ha fatto uso nell’ultimo anno.I dati emersi dall’indagine, sono davvero interessanti, perché dimostrano come sia cambiata radicalmente l’approccio al mondo dell’omeopatia, un universo fino a qualche anno fa, ancora troppo sconosciuto.

Lo Studio

La ricerca è riuscita a dimostrare come sia cambiato l’approccio alla materia, prendendo in esame  1.100 persone intervistate personalmente, per poi tracciare un identikit di ciascuna categoria, dividendo in:

  • Entusiasti
  • Favorevoli ma poco informati
  • Lontani ma poco informati
  • Lontani assoluti
  • Gli ostili

Gli entusiasti rappresentano l’8,5% degli intervistati e si dicono non solo correttamente informati sulla medicina omeopatica ma addirittura si fidano dei prodotti. I Favorevoli ma poco informati  rappresentano il 26,2%  vorrebbero usare i prodotti naturali ma dicono di saperne poco e pensano che costino troppo.I Lontani poco informati sono il 32,1%, e sostengono che i medicinali omeopatici servono solo per i problemi di scarsa importanza.I Lontani assoluti’  rappresentano il 23,6% mentre gli ostili sono il 9,6% e sostengono di essere abbastanza informati sulla medicina omeopatica ma hanno una totale sfiducia verso quest’ultima. Lo ricerca ha nel complesso riscontrato una nota positiva sempre più italiani si dicono convinti dell‘efficacia dell’omeopatia e degli effetti benefici per il benessere del nostro corpo, ma allo stesso tempo ci vorrebbe più informazione e una corretta diffusione dell’omeopatia. Su questo punto Fausto Panni, presidente di Omeoimprese, ravvede una mancanza di informazione e chiede più attenzione da parte delle istituzioni.

Omeopatia: Dalla parte della natura!

Ne stiamo parlando e sembra giusto approfondire la materia-omeopatia. La parola “omeopatia” deriva dal termine greco ” ὅμοιος, simile, e πάθος, sofferenza”  e fa riferimento ad un metodo terapeutico alternativo alla medicina tradizionale. Tutti i principi dell’omeopatia sono contenuti negli scritti di  Samuel Hahnemann, considerato il padre fondatore dell’omeopatia,che ha sperimentato e provato su sé stesso, la validità del famoso principio ” similia similibus curantur-il simile cura il simile“.

Sull’omeopatia vige molta confusione e poca informazione, e soprattutto non esiste una ricerca scientifica che è  in grado di affermare l’efficacia dell’omeopatia che non sia collegata all’effetto placebo.Eppure sono tanti i medici che hanno deciso di completare i loro studi con corsi di omeopatia, considerata da molti come medicina integrativa e non alternativa.La medicina omeopatica si basa infatti sull’utilizzo di strumenti terapeutici naturali considerati idonei non solo a guarire il malato ma  a restituire a quest’ultimo, il benessere psico-fisico perso.

Omeopatia e abbronzatura

Proprio in vista dell’estate vi vogliamo parlare di alcuni rimedi naturali che aiutano a combattere l‘eritema solare. La soluzione omeopatica contro l’eritema solare prevede l’uso di farmaci a base di calendula, come la Tintura Madre di Calendula.La calendula è considerata una delle sostanze naturali più decongestionanti e anti-infiammatorie, utilizzata non solo per combattere l’eritema solare. Abbiamo aperto questa piccola parentesi proprio per farvi capire l’importanza e l’utilizzo dell’omeopatia su fastidi e patologie all’ordine del giorno. È pur vero che di omeopatia se ne parla troppo poco, e una corretta informazione sulla materia manca, ma sempre più medici si dicono convinti dell’efficacia della medicina omeopatica e cresce il numero delle persone che vede nella natura, un valido alleato per il benessere del nostro corpo e della nostra mente.Ricordatevi però di chiedere sempre parere al vostro medico curante anche in caso di utilizzo di farmaci omeopatici.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 6 Media: 4]