Quale dieta per proteggere la vista?

I dati parlano chiaro: la vista è sempre più a rischio nel mondo, a causa dello sforzo richiesto nel lavoro, dell’uso massivo degli apparecchi multimediali e anche di problemi legati alla genetica. Proteggere gli occhi e il sistema visivo è quindi fondamentale per la salute e la dieta può fare molto in questo verso e diventare un’alleata preziosa fin dalla crescita. Se in età infantile e nel corso dell’adolescenza la vista deve esser sostenuta con la giusta alimentazione e con un’integrazione adeguata, in età adulta la vista deve essere protetta, assumendo nella dieta quotidiana alimenti dall’azione antiossidante. Si tratta nel dettaglio di sostanze quali:

donna_ride_2_luglio

  • la luteina;
  • la zeaxantina;
  • gli omega 3, zinco;
  • il betacarotene (vitamina A)
  • le vitamine C ed E.

Queste sostanze sono in grado di proteggere la retina e l’apparto visivo, ma soprattutto di scongiurare la formazione di infezioni e di problemi che interessano il sistema nervoso. Dove si trovano questi cibi e come è possibile integrare la dieta per la vista?

Iniziamo con la vitamina A, che si rivela preziosa per la vista perché la potenzia. Questa vitamina è chiamata anche retinolo e aiuta a prevenire la formazione di problemi legati alla vista. La sua scarsità nella dieta di ogni giorno rende la visione notturna più offuscata e può dare origine a fenomeni di ipersensibilità alla luce. La vitamina A si trova nelle verdure gialle e arancioni, nei mirtilli e nei latticini, quindi è ideale integrare la dieta per la vista con questi alimenti sani e naturali.

Veniamo alla luteina, che protegge la salute della vista e che insieme alla zeaxantina, è presente all’interno della retina. La sua carenza è causa della cataratta e anche della degenerazione maculare senile, quindi è importante integrare la dieta con verdure a foglie verde che la contengono in abbondanti quantità, ma anche con il radicchio, i kiwi, le barbabietole e il tuorlo di uovo.

Gli omega 3 sono acidi insaturi che sono in grado di mantenere positiva l’idratazione dell’occhio e molti studi hanno dimostrato il loro valore nell’evitare la comparsa di secchezza oculare. Questi acidi si trovano nel pesce azzurro, nella frutta secca e nei semi.

Per quanto riguarda la vitamina E, la dieta per la vista chiede di annoverarla per la sua funzione anti età e protettiva. La vitamina E si trova abbondante nei cereali, nelle mandorle e anche nell’olio extravergine di oliva. La stessa funzione è svolta dallo zinco, con il plus che questo minerale aiuta a assorbire la vitamina A e supporta l’azione degli antiossidanti. Lo zinco è piuttosto raro da reperire negli alimenti, ma si trova in buone quantità nella carne rossa, in particolare nel fegato, nel germe di grano e nel cioccolato fondente.

E infine è importante integrare la dieta con la vitamina C, che protegge dalle malattie degenerative degli occhi e lavora per attivare le cellule del nervo ottico. La dieta della vista non deve mai essere priva di agrumi e di frutta in generale, ma anche di mirtilli e melograni che sono una fonte molto importante di questo nutriente, prezioso e fondamentale nella dieta per la vista.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 18 Media: 4]

ValeriaM

Informazioni sull'autore
Laureata in Filologia Classica, da sempre appassionata di scrittura e copywriting. Classe 1989, ama leggere, andare al cinema e a teatro, allevare cani e gatti e mangiare i biscotti di Bellagio.
Tutti i post di ValeriaM