La dieta del fantino per dimagrire velocemente

Qualcuno l’ha definita ‘archeologia dietetica‘. La dieta del fantino si propone come un regime alimentare molto datato, ma che ogni tanto torna in auge. Di cosa si tratta e come si compone questa dieta dal nome speciale? La dieta del fantino è un regime molto drastico e breve, che viene attuato in vista di un appuntamento speciale. Sappiamo che i fantini devono mantenere un peso molto contenuto per essere leggeri durante il loro lavoro e ogni chilo, anche etto in eccedenza, può contribuire alle sorti della gara.

dieta-fantino-700x350

I fantini son quindi abituati a perdere molti chili in poco tempo, anche composti da acqua, quindi si sottopongono a diete speciali anche drastiche nel corso della loro carriera. La dieta del fantino si ispira proprio a questa prassi, ovvero quella di limitare per periodi brevissimi la dieta in modo massivo, al fine di perde prima i liquidi e un po’ di massa grassa, per arrivare in forma ad un certo evento.

La dieta del fantino ha raggiunto la sua massima popolarità a cavallo fra gli anni ’60 e ’70 e prevede di assumere per 3 giorni solo carne e pesce. Tutti gli altri cibi sono completamente esclusi, anche la frutta e la verdura. Si tratta di una dieta iperproteica che si basa su un apporto giornaliero di 1200 calorie, dove la perdita di peso reale è minima, ma quella fittizia, ovvero composta da acqua e fluidi può arrivare ai 3 chili. Ovviamente i chili persi vengono reintegrati velocemente appena si torna a seguire una dieta normale, il che è vivamente consigliato, quindi è assodato che la dieta del fantino ha senso solo se viene seguita per perdere qualche chilo in occasione di un evento particolare.

Analizzando criticamente la dieta del fantino si scopre che si tratta di un regime dietetico pericoloso e decisamente inutile, perché ai fini del dimagrimento è il preludio all’effetto yo yo. Il rischio legato alla salute interessa inoltre la digestione e anche l’affaticamento degli organi interni come i reni e il fegato. Il tutto si associa al fatto che perdere tre chili in tre giorni offre come risultato una pelle flaccida e può generare smagliature difficili da far scomparire.

Non è quindi meglio prendersi per tempo e iniziare una dieta sana e costante alcuni mesi prima dei grandi eventi? La risposta è certamente sì, ma pur trattandosi di archeologia, la dieta del fantino viene condotta ancora da alcune persone al giorno d’oggi. Ciò che conta è conoscere la sua composizione e la sua natura pericolosa, ma soprattutto evitare che diventi una prassi da seguire nei momenti critici per perdere peso in modo veloce e incontrollato.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 19 Media: 4]

ValeriaM

Informazioni sull'autore
Laureata in Filologia Classica, da sempre appassionata di scrittura e copywriting. Classe 1989, ama leggere, andare al cinema e a teatro, allevare cani e gatti e mangiare i biscotti di Bellagio.
Tutti i post di ValeriaM