Home Dieta e Salute Acne e Dieta

Acne e Dieta

L’acne è il principale motivo che spinge un adolescente a fare una visita dermatologica. Si tratta di una frequentissima malattia della pelle che colpisce ben otto adolescenti su dieci con delle sfogazioni sul viso e sul dorso.

Nonostante sia destinata a guarire in maniera spontanea entro i 25 anni, va presa in maniera seria e curata con attenzione, per due motivi essenziali. Il primo consiste nei problemi psicologici collegati ad essa che poi possono portare all’emarginazione, alla depressione o semplicemente provocare ansia e insicurezza, mentre il secondo è più strettamente fisico e riguarda le cicatrici che può lasciare sul corpo.

Va ricordato che la cura dell’acne è molto difficile già per un dermatologo esperto, quindi vi sconsigliamo di tentare di curarla ricorrendo ai consigli delle riviste o a qualche prodotto che si può comprare in farmacia.

Tipi di Acne
acne volgare (è caratterizzata dalla presenza di brufoli e pustole);
acne venenata (originata da sostanze tossiche);
acne rosacea (brufoli e couperose nell’area mediana del viso);
acne conglobata (presenta dei punti neri sulle cisti e potrebbe continuare in età adulta).

Principali Cause
Sono essenzialmente due : gli ormoni androgeni (cioè il testosterone, prensente anche nelle donne in minore quantità) e alcuni germi della pelle.
In particolare gli ormoni stimolano la produzione di sebo da parte delle ghiandole sebacee dei follicoli piliferi del dorso e della faccia, mentre i germi, presenti negli stessi follicoli, trasformano il grasso in acidi grassi, che insieme al sebo causano l’irritazione, provocando poi una restrizione del dotto attraverso il quale il follicolo dovrebbe espellere il sebo.
Il dotto delle ghiandole si può vedere come un poro dilatato, al centro del quale c’è una sorta di tappo di colore bianco e la zona finale più scura perchè contiene melanina. Si tratta del punto nero. Può succedere che l’infiammazione sia tale che il dotto si chiuda completamente e allora si parla di punto bianco o comedone chiuso (acne comedonica).
Se questo punto bianco si infiamma ulteriormente può dare origine a pustole, oppure a cisti e noduli se rimangono sotto pelle, ed è quindi meglio evitare di toccare il punto e lasciarlo svuotare da parte di estetiste o medici che sappiano i movimenti corretti per evitare di infiammarlo.

Nelle adolescenti, gli ormoni androgeni, possono provocare un aumento della secrezione sebacea, ma in questo caso non bisogna ricercarne la causa in un eccesso di ormoni, quanto in una risposta eccessiva delle ghiandole sebacee a uno stimolo normale.
Solitamente ciò avviene dopo le prime mestruazioni ed è un problema destinato a scomparire entro i 19 anni. Per le ragazze che invece hanno superato i 25 anni e soffrono ancora di acne è più probabile che la malattia sia dovuta a uno squilibrio ormonale, facilmente diagnosticabile eseguendo un’ecografia delle ovaie e delle ghiandole surrenali, o effettuando un dosaggio ormonale con un prelievo di sangue entro il sesto giorno dall’inizio del ciclo.

Altre Cause
Vi sono poi altre cause che possono concorrere all’insorgenza del disturbo o a un suo peggioramente. Per esempio molte ragazzine soffrono di ansia e sono portate a grattarsi il viso, provocandosi delle lesioni cutanee, che resistono a qualsiasi forma di terapia antiacne.
La detersione aggressiva del viso (con saponi allo zolfo) o un uso sbagliato del trucco (cosmetici grassi, eccessivi) o la poca igiene sono altre cause di questa malattia.
Paradossalmente l’acne guarisce più tardi nelle donne proprio grazie al fondotinta che viene applicato sul viso per nasconderne gli inestetismi. Il consiglio è quindi di affidarsi a personale competente che consiglio un fondotinta non eccessivamente grasso e che quindi influisce in misura minore su questo disturbo.
In alcuni casi terapie antibiotiche o l’uso della pillola anticoncezionale possono portare all’insorgenza dell’acne.

La dieta

Come avrete sicuramente notato, tra le varie cause dell’acne non compare nessun riferimento a particolari pietanze. Cioccolato, dolci o cibi fritti e grassi non hanno nessuna influenza sull’acne, e possono essere mangiati tranquillamente. Un eventuale peggioramento è dovuto esclusivamente al senso di colpa che l’adolescente prova e all’eventuale strofinamento del brufolo che, come abbiamo visto sopra, è, quello sì, deleterio.

Dietagratis.com ringrazia SaluteinForma.it e il dr Francesco Sorbello Garaffo per l’articolo orginale, da noi rielaborato per una lettura più veloce.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 12 Media: 5]

3 Commenti

  1. Ciao, mi chiamo Simone , io vorrei sapere una vera dieta settimanale ,nella altre paggine web c’è scritto di mangiare frutta e verdura, con pochi grassi e carboidrati raffinati (pane bianco, per esempio).Utili anche cibi ricchi di vitamina A (arance,carote,patate,papaia,fegato di emrluzzo) e tante altre vitamine .Ma ora noi adolescenti non mangiamo queste cose ,mi potreste dare una dieta , o unaltra soluzzione oltre alla pulizzia del viso ? ? risp.

  2. provate voi ad avere la faccia piena di brufoli!! dateci una cura o una dieta ke funzioni per una ^buona volta!!

  3. Io e mia sorella usiamo entrambe un sapone nero… Puzza molto ma in 2 settimane mi ha fatto passare piú brufoli di quanti me me siamo passati in un anno con le altre creme!! Semplicemente lavo il viso con il sapone 2 (e quando posso anche di piú) volte al giorno!! Quello che uso io è tipo tropicale..

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.