Più forza e vitalità con i pinoli

I pinoli sono i semi commestibili di due specie di pini: il Pinus pinea e il Pinus cembra.

Costituiti per circa il 30% da proteine, calcio, ferro e vitamine del gruppo A e B, sono indispensabili per il corretto funzionamento del sistema nervoso; i lipidi, prevalentemente grassi insaturi, sono presenti in una percentuale pari al 50%.

Si tratta di un alimento importante nei bambini durante la crescita e nella donne in gravidanza; apportando circa 600 calorie ogni 100 g, deve essere consumato con moderazione da chi è in sovrappeso.

La presenza di notevoli quantità di fosforo e magnesio, rende il pinolo, importante per l’epifisi, la ghiandola dalla quale dipende la resistenza allo stress e il livello dell’energia vitale. L’epifisi produce un ormone, la melatonina, i cui livelli aumentano quando viene il buio ed è responsabile dell’induzione del sonno.

Durante la stagione invernale, molti soggetti, vengono colpiti da un particolare tipo di depressione stagionale chiamato SAD (sindrome affettiva stagionale); in questi soggetti pare che i livelli di melatonina siano più alti rispetto alla norma: vari studi, infatti, hanno dimostrato che quando vi sono livelli alterati possono comparire insonnia, depressione o cali di energia.

In questi casi, un’integrazione nella dieta con pinoli (una decina al dì come spuntino) è utile per riequilibrare la funzionalità della ghiandola pineale. Per una merenda gustosa ed energetica, puoi integrare i pinoli con una fetta di pane nero di segale spalmata  con un velo di miele biologico; oppure, puoi gustarli nel pesto alla genovese, salsa tipica della cucina italiana.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 10 Media: 5]