Medicina naturale: le virtù del tiglio

Il tiglio è un albero che tra la fine di maggio e la prima metà di giugno produce fiori profumatissimi raccolti in grappoli.

Le sue virtù erano note fin dall’antichità: in passato, infatti, la corteccia veniva ridotta a impiastro e applicata sulle piaghe, mentre i fiori venivano utilizzati per alleviare i disturbi nervosi e curare le vertigini e l’epilessia.

Anche oggi, la medicina naturale sfrutta le proprietà terapeutiche di quest’albero: dalle foglie e dai fiori si ottengono infusi e tintura madre; con l’alburno, ossia la parte più giovane del tronco, posta sotto la corteccia, si preparano decotti; dalle gemme, invece, si estrae il macerato glicerico.

Il tiglio è conosciuto soprattutto per i benefici che apporta in caso di tachicardia,  insonnia, emicrania, vertigini, disturbi gastrici e/o intestinali di origine nervosa. Nei periodi in cui sei sottoposto a stress emotivo e fisico, dovuto ad esempio ad un eccessivo carico lavorativo, ad un cambiamento di vita o all’arrivo dei primi caldi, il tiglio può essere di grande aiuto.

COME UTILIZZARLO

Il bagno serale: ha un’azione rilassante e distensiva, ideale per eliminare le tensioni accumulate durante la giornata, predisponendo al sonno. Fai bollire per 20 minuti in 2 litri d’acqua 100 g di fiori di tiglio; lascia intiepidire, poi filtra e aggiungi l’infuso all’acqua della vasca da bagno.

Gli impacchi: le sue proprietà emollienti e lenitive, lo rendono adatto per chi soffre di pelle arida, secca, sensibile e arrossata. Prepara l’infuso, facendo bollire per 20 minuti in un litro d’acqua 100 g di fiori di tiglio; lascia intiepidire, poi filtra e tieni l’impacco sulla pelle per 5 minuti; ripeti l’applicazione 2-3 volte al giorno. Ideale anche come impacco dopo-sole.

L’infuso contro l’insonnia: in una tazza di acqua calda lascia in infusione per 10 minuti un cucchiaio di fiori essiccati. Filtra e bevi 3-4 tazze al giorno.

Il macerato glicerico: in caso di ansia prendi 50 gocce di macerato glicerico di Tilia tomentosa con un po’ di acqua; in caso di insonnia, invece, assumine 30 gocce nel tardo pomeriggio e 30 mezz’ora prima di andare a dormire.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 12 Media: 4]