I migliori metodi di cottura

vapore

Non basta tenere conto delle calorie ma anche del modo in cui vengono preparati e cucinati gli alimenti. In questo senso il metodo di cottura si rivela fondamentale. Ti segnaliamo i migliori metodi per non disperdere i preziosi nutrienti contenuti negli alimenti e per non aggiungere calorie inutili.

Al vapore: è da preferire alla bollitura, in quanto, nel caso delle verdure, viena persa una minore quantità di sostanze nutritive. E’ bene sistemare le verdure in un apposito cestello e l’acqua sul fondo della pentola. Coprire e cuocere a fuoco lento fino a quando diverranno tenere.

Al cartoccio: basta munirsi di fogli di carta d’alluminio o da forno e chiudere la carne, il pesce o le verdure “stile caramella”, senza la necessità di utilizzare condimenti. L’importante è sigillare bene in modo che non esca il vapore durante la cottura.

A bagnomaria: è un metodo lento e delicato che mantiene intatto il sapore dei cibi. Si addice perfettamente a creme e sformati.

Alla griglia: è un metodo di cottura naturale, ideale per carne, pesce e verdure quali melanzane, zucchine, peperoni, pomodori, patate. Non è necessario ricorrere a grassi per la cottura ma è bene, nel caso della carne, per esempio, procedere ad una leggera marinatura a base di yogurt, limone e spezie, prima di collocarla sulla griglia. In questo modo, si eviterà che la carne si secchi troppo.

Stufato, brasato e umido: sono tre metodi di cottura ideali per cuocere carni magre, in quanto il liquido di cottura va poi consumato con la carne.

Arrosto: metodo sano in quanto non richiede l’aggiunta di grassi. L’importante è evitare tempi di cottura troppo prolungati che possono bruciare le pietanze.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 14 Media: 5]