Biancospino, più forza al cuore

Il biancospino, ha dei fiori candidi dal profumo dolcissimo, che si intravedono tra le foglie verde brillante. E’ un arbusto spinoso e i suoi rami hanno delle spine acuminate. Il biancospino è stato sempre apprezzato come rimedio naturale, oggi viene usato come pianta medicinale ed è un componente di numerosi preparati fitoterapeutici. La pianta nel suo insieme è cardiotonica, le cellule ricevono maggior energia e si produce un aumento della forza di contrazione del cuore con una regolazione del suo ritmo; quindi è indicata per insufficienza cardiaca, unita o meno a dilatazione della cavità dovuta a miocardite o miocardiopatia (infiammazione o degenerazione del muscolo cardiaco), lesioni valvolari o infarto del miocardio recente; aritmie (irregolarità del ritmo cardiaco); extrasistole (palpitazioni), tachicardia, fibrillazione auricolare o blocchi.

Il biancospino aumenta l’irrorazione sanguigna nelle arterie coronarie e combatte eventuali spasmi dovuti ad angina pectoris. E’ inoltre un buon vasodilatatore delle arterie coronarie. Normalizza la pressione arteriosa, facendola scendere nelle persone che il genere ce l’hanno alta e facendola salire in chi soffre di ipotensione. La sua azione regolatrice nell’ipertensione è rapida e con risultati più duratura rispetto ad altri preparati sintetici. E infine ha proprietà sedativa del sistema nervoso simpatico: utile in chi soffre di nervosismo e conseguenti sensazioni di oppressione al cuore, ansia e insonnia.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 8 Media: 4]