Piacersi per dimagrire senza sforzo

In molti casi il sovrappeso e lo sconforto nascono dalla scarsa considerazione del proprio aspetto fisico e dalla tendenza a confrontarsi con modelle che si allontano dalla nostra bellezza.

Dimagrire- foto piqsels.com

Così, piuttosto che valorizzare le proprie caratteristiche, si finisce per mortificare se stessi e sfogare le frustrazione a tavola.

Ti capita spesso di guardarti allo specchio alla ricerca di imperfezioni? Smetti di agire in questo modo e osservati alla ricerca di ciò che ti piace. Cerca i tuoi punti di forza e valorizzali: chiedi una consulenza estetica per mascherare i tuoi “difetti” e valorizzare i punti forti, ma anche i colori e il tipo di make-up più adatto a te.

Prendersi cura del proprio aspetto è un’abitudine da eseguire con costanza: ottenuti i primi risultati, crescerà l’autostima e ti verrà più naturale non eccedere con il cibo con la scusa che “tanto peggio di così non può andare”.

La mancanza di attenzione verso sè stessi è un grande nemico della linea: un atteggiamento poco attento e concentrato, la pretesa di fare più cose nello stesso momento e di essere veloci, ha inevitabili ripercussioni sull’aspetto fisico e sull’approccio con il cibo.

Ecco alcuni piccoli atteggiamenti, che messi in pratica tutti i giorni, ti aiuteranno a mangiare in modo controllato e a perdere peso senza grossi sforzi:

  • fai un’azione alla volta: mangiare e telefonare, guardare la tv, discutere o leggere sono attività incompatibili che rendono automatico e inconsapevole l’atto del mangiare;
  • riservati 10-15 minuti per pasto: in questo arco di tempo fà che nessuno ti disturbi e concentrati sul cibo. Vedrai che automaticamente inizierai a mangiare  meno;
  • prima di mangiare impara ad osservare il cibo e ossaporalo bene.

Spesso capitano quelle giornate in cui non accade niente di particolare ma ci si sente stanchi e svuotati, privi di forze. In queste situazioni, la tentazione più forte è quella di sfogare il senso di vuoto nel cibo, pensando che una bella abbuffata davanti al frigo o un pasto sostanzioso riempia quel vuoto. In realtà, al sento di vuoto interiore si aggiunge il senso di colpa per aver esagerato a tavola.

Noia e frustrazione, infatti, richiedono un carburante speciale: il piacere di svolgere attività stimolanti, in completo relax. Una serata al cinema, un pomeriggio da decidere a sè stessi in un beauty center, una piacevole chiaccherata con un amico, ti farà stare subito meglio e placherà la fame smaniosa.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 17 Media: 5]