Il cavolo per lenire ogni dolore

Il cavolo è un ortaggio appartenente alla famiglia delle Crucifere.

Il suo uso terapeutico è molto antico, tanto che era già coltivato dagli Egiziani, dai Graci e dai Romani; in particolare, quest’ultimi lo consumavano cotto o crudo prima dei loro pranzi, perchè ritenevano che ritardasse l’effetto delle “sbornie”.

Studi più recenti hanno evidenziato che, il consumo frequente di questo prezioso alimento che offre la natura è in grado di ridurre il rischio di cancro al colon; ciò grazie alla presenza degli antiossidanti che, insieme ai sali minerali, rendono il cavolo un ottimo antinfiammatorio per la cura di reumatismi, dolori muscolari e osteoarticolari in genere.

Dal punto di vista nutrizionale, quest’ortaggio è ricco di vitamine, fosforo, calcio, magnesio, zinco e rame. Esistono molte varietà di cavolo, ma tutte sono ricche di antiossidanti, fondamenti per mantenere la articolazioni in salute; queste sostanze, infatti, neutralizzano l’eccesso dei radicali liberi, responsabili dei danni ai vari tessuti (compreso quello osseo).

Per tutte queste proprietà, il cavolo può essere definito un vero e proprio cibo-farmaco; puoi gustarlo in mille modi:

  • in insalata: il consumo bisettimanale di cavolo, può ridurre notevolmente l’insorgenza della degenerazione artritica e delle malattie reumatiche;
  • il decotto: per prepararlo, basta far bollire una foglia di cavolo tagliuzzato in una tazza d’acqua; è un utile rimedio contro catarro e raffreddore;
  • come centrifugato: è consigliato in caso di debolezza o carenza di vitamine;
  • come cataplasma: le foglie e il succo di cavolo sono efficaci rimedi per la preparazione di cataplasmi contro piaghe, ferite e dolori; applica il succo puro sulla parte interessata.
Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 15 Media: 4.9]