Home Dieta e Salute Mela chiodata, cos’è e a cosa serve?

Mela chiodata, cos’è e a cosa serve?

I rimedi naturali contro le carenze da minerali sono moltissimi e tanti tra questi si rivelano anche particolarmente interessanti e “strani”, un po’ come quello di cui parleremo oggi. La mela chiodata, un rimedio antico per contrastare le carenze di ferro. Sembrerebbe che già nel Medioevo era in vigore questo strano e affascinante rimedio naturale contro la carenza di ferro.

apple

Attualmente per combattere l’anemia, la mela chiodata pare essere un’ottima alleata. Nuova strategia commerciale? Direi di no, già nel medioevo veniva utilizzata per lo stesso identico motivo, combattere le carenze di ferro.

Mele chiodate: cosa significa e come si realizzano?

Praticamente i chiodi vengono inseriti nella mela e gli acidi di questo frutto (l’acido citrico e l’acido malico) contribuiscono a sciogliere il ferro disponibile in grandissime quantità nei chiodi. Questa procedura rende possibile che la mela si arricchisca di ferro. Semplice e ottimo dunque, un rimedio alla portata di tutti. Chiaramente i chiodi dovranno essere sterilizzati e non zincati (di ferro). Quindi, è sconsigliato prendere quelli che avete già in casa ma andate a chiederli in ferramenta assicurandovi di acquistare quelli giusti.

Per quanto riguarda la preparazione della mela chiodata qui sotto potete vedere i passaggi necessari da eseguire:

  • Occorrono 6-8 chiodi di ferro (misura grande e, come abbiamo già specificato, è importante che non siano zincati)

  • Sterilizzare i chiodi in acqua bollente (pochi minuti)

  • Inserire i chiodi nella mela (possibilmente bio)

  • Passate 24 ore è possibile rimuovere i chiodi e gustarsi la mela

Come promesso, niente di più semplice! Se il metodo vi convince ripetere la procedura. Ovviamente è opportuno consultare il proprio medico prima, il quale esprimerà un parere professionale in merito. Specialmente riguardo al consumo di mele chiodate. Quando si parla di rimedi naturali un po’ particolari e che servono a tamponare carenze nutrizionali serie, è bene parlare prima con il medico. Da ricordare che come la carenza di ferro è dannosa per il corpo umano, anche un eccesso di ferro nel sangue non è positivo per la salute.

Perché consumare la mela chiodata?

  • Per le donne in dolce attesa è un rimedio naturale che sembra consigliato
  • Ottima fonte di sali minerali e vitamine
  • Contro le carenze di ferro
  • Per i soggetti che non amano gli integratori di ferro presenti sul mercato
  • Sempre per coloro che non possono consumare i classici integratori di ferro

Sarà il medico in ogni caso a suggerire se è il caso oppure no di usare la mela chiodata, anche in base alle specifiche analisi di ogni paziente, lo stile di vita, lo stato di salute etc.. La cosa importante prima di tutto è di eseguire un test di analisi del sangue dato che le carenze minerali non sono tutte uguali fra loro. In più c’é anche la possibilità che la mela chiodata non funzioni su un individuo.

NB. Vi sono casi di persone che non apprezzano il sapore della mela chiodata. Il problema non sussiste, basta mescolare il frutto arricchito di ferro con altri frutti. Per esempio si può usare per preparare una macedonia, oppure un frullato.

Mela chiodata: il succo

Proprio così, oltre alla mela chiodata possiamo ottenere benefici anche dal succo di questo frutto sottoposto al procedimento dell’inserimento dei chiodi di ferro. Il succo di mela chiodata è perfetto per il nostro organismo. Presenta molti sali minerali, tra cui tanto ferro. È ottimo contro le carenze di ferro e ne viene consigliato non più di 7ml giornalieri in quanto si tratta di un potente concentrato

Mela chiodata: controindicazioni

La mela chiodata per funzionare deve anche essere realizzata come si deve. Tanto per iniziare la scelta dei chiodi non deve essere posta al secondo posto, dato che i chiodi che si possono comprare attualmente spesso non sono di ferro. Lo possiedano ma non è ferro puro! Inoltre contengono altre tipologie di metalli e tra questi ricordiamo: cromo, cadmio e zinco. La soluzione migliore è quella di chiedere al personale che lavora in ferramenta, solamente così la scelta del chiodo sarà eccellente. Ovviamente come già menzionato consultare il proprio medico e seguire i suoi consigli alla lettera.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 14 Media: 5]