Sintomi della carenza da vitamina D

L’inverno sta arrivando e porta con sé giornate più corte, quindi meno luce a disposizione. In questa stagione è comune che si verifichi una carenza di vitamina D nella popolazione. Si tratta di una vitamina fortemente legata alla luce del sole, che si occupa di sintetizzarla e di renderla disponibile all’organismo per svolgere le funzioni vitali ad essa collegate.

tabella-vitamina-d

La vitamina D è garantita dall’esposizione solare, dalla corretta ed equilibrata alimentazione e dall’assunzione di alimenti quali il latte e le uova, il pesce azzurro come le aringhe e le sarde, le verdure a foglia scura e i cereali come l’avena, la frutta secca come le mandorle e la frutta di bosco come i ribes. Questi sono alcuni esempi di cibi che contengono questa preziosa vitamina, un micronutriente fondamentale nella salute delle ossa e del sistema immunitario. La vitamina D gioca un ruolo importante anche nella prevenzione di malattie respiratorie, immunologiche e cardiovascolari, quindi la sua assunzione si propone indispensabile per salvaguardare la salute e il benessere personale.

Studi recenti hanno però dimostrato che la vitamina D è molto scarsa nelle persone e che nel periodo invernale essa può subire delle vere e proprie carenze. Secondo una ricerca effettuata Centro Studi e Ricerche sull’Obesità dell’Università degli Studi di Milano, il 77% della popolazione non assume latticini e uova nelle quantità corrette e questa carenza alimentare può portare a forti scompensi nutritivi. La luce del sole scarsa e la poca volontà di stare all’aria aperta con il freddo sono fattori ambientali che aumentano la carenza di questa vitamina, quindi chi pensa di essere soggetto a questo stato può scegliere di integrarla con prodotti appositi, che possono essere reperiti in farmacia o nelle erboristerie con reparto alimentare.

Secondo una recente ricerca statunitense, la carenza di vitamina D sarebbe inoltre collegata a problematiche neurologiche e andrebbe ad influire negativamente sulla fluidità del discorso. Se si notano questi sintomi, è quindi ideale cercare di migliorare l’alimentazione, consumando con la dovuta attenzione cibi quali i latticini e le uova, integrando una dieta equilibrata con i corretti prodotti a base di vitamina D e cercando di spendere almeno un’ora di giorno all’aria aperta, soprattutto se si tratta di una bella giornata di sole. La preziosa vitamina D può quindi riprendere i suoi valori positivi e favorire lo stato del sistema osseo scheletrico, nonché aumentare la salute del sistema immunitario, scongiurando la comparsa di malattie anche gravi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *