In salute con il caffe d’orzo

L’orzo è un cereale antichissimo proveniente dall’ Asia (oggi colvivato anche in Italia). Si può trovare in due tipologie: quello mondo e quello perlato; il primo si ottiene pulendo il chicco dalle glumelle esterne e conserva tutte le sue proprietà (vitamine, sali minerali, proteine, fibre e grassi). L’eliminazione di questi strati, attraverso il processo di “perlatura“, permette di ottenere l’orzo perlato, il cui chicco presenta un colore bianco (simile al riso), ha tempi di cottura brevi ed è facilmente reperibile.

Già Ippocrate, il padre della medicina, lo riteneva un alimento nutriente, ottimo per la digestione; contiene una grande quantità di amido (fonte di energia facilmente assimilabile dall’organismo) e apporta proteine e vitamine (B1 e B2).

L’orzo può essere consumato come zuppa, ed ha un’azione rinfrescante, oppure come decotto; esso presenta  numerosi effetti benefici sull’organismo:

  • combatte i disturbi al fegato e allo stomaco;
  • è un regolatore intestinale;
  • agisce sul sistema immunitario, contrastando le infiammazioni degli organi digerenti;
  • combatte le irritazioni della cavità orale;
  • è un emolliente, che contrasta le infezioni dell’apparato urinario.

Per sfruttare al meglio le sue proprietà se ne dovrebbero bere almeno 4 o 5 tazze al giorno; alcuni studi recenti hanno constatato che, il costante consumo di orzo aiuta a prevenire l’iperglicemia, in quanto contiene il betaglucano, una sostanza che rallenta l’assorbimento dei carboidrati abbassando il tasso glicemico.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 24 Media: 4]