Il ruolo della dieta

Secondo quanto riportano le più recenti statistiche, nel mondo occidentale, la percentuale dei soggetti in sovrappeso è in continuo aumento.

alimentazione7

La ragione è individuabile nello stile alimentare e nel tenore di vita più elevato rispetto al passato; ciò è confermato dall’assenza di obesi nelle popolazioni colpite da carestie oppure fra i prigionieri nei lager nazisti durante la seconda guerra mondiale, ai quali veniva somministrata una razione calorica inferiore alle 1000 kcal.

Oltre alle quantità, sul sovrappeso incide molto la qualità dell’alimentazione; nei paesi anglosassoni, infatti, dove  la dieta include quantità eccessive di proteine e grassi animali, l’incidenza di obesità e di malattie cardiovascolari è molto più alta rispetto ai paesi mediterranei, nei quali la dieta si basa sul consumo di cereali, grassi vegetali, pesce e frutta.

Sono ormai 20 anni che si svolge negli USA una campagna di educazione alimentare che ha condotto da un lato ad una riduzione del consumo di cibi aterogeni (come uova, burro, panna e grassi animali) e, dall’altro, ad un aumento del consumo di pesce e olio di oliva.

Fino ad oggi, i risultati sono stati eccellenti, in quanto si è assistito ad una significativa riduzione dell’incidenza di obesità e della mortalità per malattie coronariche e cerebrovascolari, riconducibile alla diminuzione dell’apporto di grassi saturi e all’aumento di quelli insaturi. È noto, infatti, che una dieta ricca di grassi saturi favorisce l’aumento del colesterolo “cattivo” (LDL), con un conseguente aumento del  rischio di malattie cardiovascolari.

Per la prevenzione di queste malattie, il consumo di pesce e dell’olio extravergine d’oliva è fondamentale. Il pesce, in particolare, è ricco di omega 3, acidi grassi polinsaturi benefici per l’organismo. Per comprendere l’importanza di questo alimento, basta ricordare che nelle popolazioni con un’alimentazione prevalentemente ittica (come gli eschimesi, che ne consumano circa 400 g al giorno), la percentuale di malattie cardiovascolari è molto minima.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 12 Media: 4]