Collegati con noi

Dieta Atkins di Jennifer Aniston

Dieta Atkins di Jennifer Aniston

Jennifer-Aniston-02

Fisico perfetto e in forma anche a 40 anni passati, la bellissima attrice di Hollywood, Jennifer Aniston  sembra aver fatto un patto con il diavolo per rimanere sempre bella e con una linea invidiabile. Il suo segreto? Una dieta speciale, ideata dalla stessa attrice insieme con un team di nutrizionisti. Si tratta della dieta atkins modificata, in modo da essere più efficace, ma anche più sana.

La dieta Atkins di Jennifer Aniston

La versione di Jennifer Aniston e contiene sempre, come nella normale dieta atkins, tantissime proteine e i grassi buoni, come ad esempio il pesce, ma soprattutto tantissima verdura, frutta e i carboidrati integrali.

Ma cosa ha in più allora la dieta di Jennifer? L’eterna ragazza americana infatti ha aggiunto alla sua dieta un segreto di bellezza infallibile ossia l’olio di cocco, che rende la pelle elastica e morbida, ma soprattutto ferma l’azione dei radicali liberi aiutando a rimanere sempre giovani e in forma. Inoltre l’olio di cocco svolge un’azione diuretica aiutando ad eliminare le tossine, i cuscinetti di grasso e i gonfiori alle gambe e all’addome.

Il segreto è l’olio di cocco

Nella dieta atkins di Jennifer Aniston l’olio di cocco viene usato al posto dell’olio normale e se ne devono consumare 3 cucchiai al giorno. Si tratta di un condimento particolarmente ricco di minerali, come lo zinco, il rame, il selenio ed il magnesio, ma anche la vitamina E.  Infine è un ottimo prodotto dimagrante perchè contiene ben due grassi essenziali i quali accellerano il metabolismo e permettono di bruciare più velocemente le calorie che vengono assunte con il cibo quotidianamente.

L’olio di cocco si può acquistare in tutti i negozi biologici e specializzati, ma potete anche prepararlo voi stesse usando un pezzettino di cocco fresco. In sole due settimane questo alimento insieme con la dieta atkins rivisitata vi farà perdere 3 chili e sembrare delle vere star di Hollywood.

Come funziona la dieta Atkins?

dieta disintossicante

La dieta Atkins deve il nome al medico che, negli anni ’70, la ideò. Nasce come terapia contro il diabete mellito e, bisogna ammetterlo, è stata a lungo bersaglio di numerose critiche. Questa dieta infatti è molto in contrasto con la ben più salutare dieta mediterranea.

Il principio base della dieta Atkins è quello che acocmuna tutti i regimi alimentari “low-carb”. In pratica, gli alimenti utilizzati devono avere pochi o punti carboidrati, i quali vengono considerati tra i responsabili principali di tutti gli accumuli adioposi. E’ una dieta iperproteica che permette di perdere fino a 6 kg ogni mese, tuttavia non porta solo vantaggi e sono diversi i contro di questa dieta.

Chiaramente non è salutare far colazione con uova e pancetta, così come non è il caso di pranzare con una bistezza. Questa dieta provoca anche diverse carenze a livello di sali minerali e vitamine, portando poi a un aumento di corpi chetonici, i quali vanno a favorire la comparsa di malattie come l’osteoporosi, i problemi di cuore,  il cancro ecc.

Vale davvero la pena seguire questo regime alimentare squilibrato per perdere qualche chilo di troppo, a danno della nostra salute? Lo scopriamo subito insieme analizzando i vantaggli e gli svantaggi della dieta Atkins.

Vantaggi della dieta Atkins

  • Seguire questo regime alimentare è davvero facile. Per prima cosa non si devono calcolare le calorie, ma solo evitare alcuni cibi che sono severamente vietati.
  • Permette di perdere fino a 6 chili al mese, mangiando anche di più rispetto a molte altre diete
  • Dona un piacevole senso si sazietà grazie alla grande quantità di grassi che vanno a sostituire i carboidrati.
  • Si raggiunge una certa stabilità per quanto riguarda gli zuccheri nel sangue, ed ecco che subito si otterrà una maggior energia.
  • Vi è una riduzione della pressione arteriosa grazie ai pochi zuccheri.
  • Riduce anche i livelli di colesterolo cattivo.

Svantaggi della dieta Atkins

  • Favorisce il sorgere di problemi cardiaci a causa degli eccessivi grassi che ostruiscono le arterie
  • Non vi è una distribuzione di macronutrienti corretta. Manca l’equilibrio tra carboidrati, proteine e grassi. E’ una dieta squilibrata, dove i carboidrati invece di essere presenti con una media del 60%, sono ridotti a meno del 14%. Le proteine invece vanno dal 12% al 24% e i grassi, dal 25% è stato aumentato al 62%.
  • Elimina alcuni alimenti dalla dieta considerandoli “cattivi”, quando in realtà sono essenziali per il corpo.
  • Non da indicazioni sulle calorie, le quali invece dovrebbero sempre interessare in una corretta dieta.
  • Aumenta le possibilità di veder comparire malattie come osteoporosi e gotta. Sono malattie legate a una carenza di calcio, il quale viene eliminato tramite questa dieta attraverso le urine per l’eccessiva somministrazione di proteine.
  • Porta a una lenta disidratazione.
  • Può portare a problemi legati alla stitichezza e le fibre.
  • Pul provocare anche problemi di insonnia.
  • A causa dell’eccessiva quantità di proteine e grassi, porta l’organismo in uno stato di chetosi, la quale viene causata da uno squilibrio metabolico di acidi grassi. I corpi chetonici vanno ad abbassare il ph ematico, creando un aumento di acidi, provocando fastidi come ipotensione, nausea, vomito, ritmo respiratorio accenerato, cattiva circolazione, alito cattivo.

Le 4 fasi della dieta atkins

la-termogenesi-per-dimagrire-come-aumentare-meccanismo-brucia-calorie

 Fase 1: approccio alla dieta

La durata è di almeno due settimane. Questa prima fase serve all’organismo per abituarsi a questo nuovo ritmo. Verranno eliminati tutti i carboidrati complessi come patate, cereali, pane, pasta e riso, così come alcuni tipi di frutta e di verdura. Potranno invece essere consumati senza limiti gli alimenti proteici e i grassi come le uova, i formaggi, le bistecche ecc. Questa fase serve all’organismo per bruciare i grassi  e mantenere costanti gli zuccheri.

Fase 2: continuazione

In questa fase si continua a perdere peso. Lo stile alimentare è il oslito della fase 1, solo che vengono introdotti 5 g di glucosio in più al giono. I carboidrati sono sempre esclusi, ma alcuni tipi di frutta e verdura vengono nuovamente inseriti.

Bisogna assimilare frutta fresca e secca, fino a quando non si raggiungere il livello critico di carboidrati, il quale permette al corpo di ridurre sostanzialmente il peso. Quando il peso è stabilizzato e quindi non si perde più, è necessario ridurre di nuovo i carboidrati di 5g al giorno, fino a quando non si perde un altro chilo e mezzo in una settimana.

Fase 3: pre-mantenimento

La quantità di glucosio viene aumentata di 10 g la settimana. La perdita di peso è calata a 500 grammi a settimana e l’apporto di glucidi viene stabilito con l’assunzione di frutta zuccherina e yogurt. Ci si ferma quando si raggiunge il peso forma e si è trovata la quantità di carboidrati ideale.

Fase 4: mantenimento

Questa fase dura tutta la vita e consente solo un’assunzione minima di carboidrati, cioè la quantità che permette all’organismo di assumerne le dosi indispensabili per i processi vitali, ma che non permette di accumulare le riserve. Solitamente comunque non deve superare i 90g al giorno. Si possono mangiare anche alimenti come pasta, cereali e pane, ma facendo molta attenzione alla quantità.

Il menù settimanale della dieta Atkins

LUNEDÌ

Colazione: cereali integrali in coppetta con frutti di bosco, un bicchiere di latte parzialmente scremato.

Spuntino: una macedonia di frutta mista con fragole, albicocche, kiwi e ananas.

Pranzo: 80 grammi di involtini fatti con bresaola farcita con 40 grammi di ricotta magra ed erba cipollina, insalata mista verde

Merenda: uno yogurt magro

Cena: insalata preparata con gamberetti e semi di zucca, broccoli a vapore con aceto balsamico, un panino integrale

MARTEDÌ

Colazione: uno yogurt alla frutta magro, macedonia di frutta di stagione tè verde

Spuntino: frullato di banana e fragole

Pranzo: 200 grammi di salmone affumicato con il limone, pane integrale a bruschetta con peperoni gialli e rossi tagliati a dadini crudi e usati per condire le bruschette.

Merenda: una fetta di melone.

Cena: pollo all’ananas, insalata di spinaci fresca con germogli di soia.

MERCOLEDÌ

Colazione: 1 spremuta d’arancia, 4 biscotti integrali, 1 caffè.

Spuntino: un pezzettino piccolo di noce di cocco

Pranzo: 120 grammi di petto di pollo cotto alla piastra condita con rosmarino, fagiolini in insalata, 1 kiwi.

Merenda: una macedonia di frutta fresca con melone, albicocche, cocco e fragole.

Cena: zuppa preparata con lenticchie e farro, verdure miste grigliate.

GIOVEDÌ

Colazione: una fetta di pane integrale con due fette di prosciutto crudo, un caffè, un kiwi

Spuntino: una macedonia con cocco, melone, fragole, mirtilli e arancia.

Pranzo: frittata con 2 uova e zucchine, piselli al peperoncino, un panino integrale

Merenda: due palline di gelato al cocco

Cena: 150 grammi di salmone con erbette e pomodorini, insalata di funghi champignon e succo di limone, un panino integrale.

VENERDÌ

Colazione: cereali integrali in coppetta con lamponi, un bicchiere di latte parzialmente scremato.

Spuntino: 30 grammi di formaggio parmigiano.

Pranzo: 80 grammi di pasta integrale con gamberetti e zucchine, un’insalata verde mista.

Merenda: un bicchiere di succo d’ananas

Cena: due cosce di pollo al curry, finocchio crudi, sedano e carote crude, una macedonia con pere,  albicocche, pesche e cocco.

SABATO

Colazione: uno yogurt bianco con ananas a pezzi, una spremuta d’arancia.

Spuntino: latte di cocco in bicchiere

Pranzo: 150 grammi di carpaccio di tonno con funghi crudi e rucola condito con succo di limone, insalata mista verde con pomodorini pachino, una pera.

Merenda: una macedonia con fragole, susine, cocco e nespole

Cena: una pizza integrale con pomodorini, mozzarella e basilico

DOMENICA

Colazione: un bicchiere di latte parzialmente scremato, 4 fette biscottate integrali, tè verde alla menta.

Spuntino: un pezzetto di cocco fresco

Pranzo: sogliola con farina integrale cotta al forno e condita con rucola, germogli di soia e noci.

Merenda: due fette di ananas fresco

Cena: 80 grammi di riso integrale con pomodorini, sedano e carote, zucchine, peperoni, melanzane a cubetti e foglie di insalata.

Scopri quale dieta per dimagrire velocemente è più adatta a te

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

Lascia un commento

  • GESU’CRISTO

    L’esempio o programma alimentare soprastante include tutti i cibi che non bisogna usare nella prima fase ma neanche nella seconda. Latte yogurt frutta cereali ecc ecc sono tutti da evitare se si considera che la Atkins riduce i carboidrati a 20gr più o meno… https://www.youtube.com/watch?v=xnIQvs971EU per maggiori chiarimenti consultate questo video…buona visione!!

Non perderti questi consigli

Le diete più popolari

Scopri i Segreti per Dimagrire Naturalmente! Iscriviti gratis e ricevi l'ebook omaggio!
Ebook per dimagrire

SCOPRI COME DIMAGRIRE